TuttoQua?

L'umanita' sta regredendo

CERN: Analisi tecnica incidente del 19 Settembre 2008

I tecnici dell’LHC hanno rilasciato una dettagliata analisi tecnica dell’incidente occorso all’accelleratore di particelle del CERN. Sul sito del CERN trovate anche poi la press release.

In pochissime parole si puo’ dire che la causa e’ stata confermata: un collegamento elettrico tra due magneti super-conduttori era difettoso. Il difetto ha causato una perdita di elio superraffreddato tra i settori 3 e 4.

L’elio superraffreddato non e’ un gas che si e’ beccato un immenso raffreddore, bensi’ un gas portato ad una temperatura bassissima, in modo da poter raffreddare il condotto in cui vengono sparati i fasci di particelle che poi, una volta raggiunta una velocita’ elevatissima, sono destinati a scontrarsi e rivelare, si spera, alcuni segreti legati alla formazione dell’Universo ed alle proprieta’ della materia.

Perche’ raffreddare i condotti? Quando vari metalli puri e leghe vengono superraffreddati fino a pochi gradi dallo zero assoluto (-273,15 gradi centigradi), la loro resistenza elettrica viene meno. Le sostanze diventano superconduttori: la corrente elettrica che li attraversa viene trasportata completamente senza attrito. Questo fenomeno è stato scoperto dal fisico olandese Onnes nel 1911 e i particolari (insieme a quelli della superfluidità, cioe’ la mancanza di viscosità di un liquido superraffreddato come l’elio appunto), sono venuti alla luce nei successivi decenni di ricerca nel campo delle basse temperature. Annullando la resistenza elettrica all’interno dei condotti, i fasci di particelle potranno raggiungere velocita’ prossime a quelle della luce. Ecco, ora ve l’ho detto, andate e moltiplicatevi sull’argomento.

Tornando a noi, i tecnici del CERN dicono anche di disporre di parti di ricambio sufficienti affinche’ l’LHC possa essere riparato e rimesso in esercizio nel 2009, presumibilmente in Primavera. Ovviamente la direzione ci ha tenuto a specificare che tutte le procedure di sicurezza hanno funzionato come previsto, e che gli esperti faranno in modo di evitare tali incidenti in futuro. Mi sembra il minimo da dichiarare dopo aver speso 6 miliardi di Euro e non aver ancora ottenuto un tubo. L’attenzione c’e’, il budget pure, speriamo che non sfumi tutto troppo presto. Insomma, io ‘sto bosone di Higgs lo vorrei vedere!

Advertisements

25 ottobre 2008 - Posted by | Cose tecniche | , , , , , , , , , , , ,

2 commenti »

  1. You know, I have to tell you, I really enjoy this blog and the insight from everyone who participates. I find it to be refreshing and very informative. I wish there were more blogs like it. Anyway, I felt it was about time I posted, Ive spent most of my time here just lurking and reading, but today for some reason I just felt compelled to say this.

    Commento di Josh Maxwell | 25 ottobre 2008 | Rispondi

  2. Hey Josh, thanks, this is great! Keep reading, I will do my best to “retain” you 😀

    Commento di tuttoqua | 26 ottobre 2008 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: