TuttoQua?

L'umanita' sta regredendo

La visione in bianco e nero

Il 4 Settembre 1940 l’inventore americano Peter Carl Goldmark realizzo’ la prima trasmissione televisiva a colori. Quest’uomo ci apri’ (anni dopo) gli occhi su un Mondo che, fino al minuto prima, era stato bianco, nero e tutto il grigio che c’e’ in mezzo. Mi ricordo da bambino la piccola TV a 14″ che avevamo in casa: due manopole, volume e sintonia, e l’inesorabile assenza di colori. Per fortuna da allora abbiamo fatto molti passi in avanti, ma sfortunatamente qualcuno e’ rimasto indietro.

Leggevo stamattina della polemica tra Lewis Hamilton, neo-campione del Mondo di F1, e Bernie Ecclestone, lo storico patron del circus. Con riferimento agli episodi razzisti che videro Hamilton preso di mira, al gran premio di Spagna 2008, da un gruppo di tifosi di Alonso, Ecclestone invita ora a prenderlo come uno scherzo. Ma Hamilton non ci sta, e ha ragione accidenti! Il razzismo non si fonda sullo scherzo e sul lazzo, e non ha niente a che fare con la goliardia ed il divertimento. Uno se la puo’ spassare in mille modi diversi, ma comportarsi da barbari e schiavisti non e’ da persone civili. Le persone civili scherzano, gli stronzi fanno sul serio.

Ora, per uno che ne sappiamo dai giornali, esistono migliaia di casi come questo, tutti i giorni, in ogni luogo.

E’ chiaro che si tratta in parte di retaggio culturale, e quello difficilmente si cambia, ma in larga parte anche di pregiudizio. E quello si puo’ e si deve cambiare!

Facciamo un ragionamento molto semplice: cosa c’e’ che non va in una persona di colore?

Qualcuno dice che una persona di colore non ispira fiducia: se uno e’ nero e’ probabilmente un ladro. Avete mai sentito un’idiozia del genere? E’ come dire che un toro nero e’ piu’ pericoloso di un toro bianco! E’ una questione psicologica, che ha origini nella notte dei tempi. Secoli se non millenni fa, il giorno era buono e la notte era pericolosa. Di giorno si campava e di notte di moriva, anche piuttosto facilmente.

Altri dicono che sono ignoranti, non si lavano e puzzano. Un altro pregiudizio! La stragrande maggioranza dei neri del Pianeta, vive o proviene da aree dimenticate da Dio, dal Terzo Mondo. Non e’ colpa dei singoli se nascono in un posto dove gia’ procurarsi da mangiare e’ un problema… figuriamoci lavarsi e andare a scuola!

Avete mai interagito con un nero cresciuto in Europa, in Italia? Vi ha mai dato l’impressione, anche solo per un attimo, di essere diverso da noi? A me mai! Ho avuto colleghi all’Universita’ dal Senegal e dalla Palestina, amici dal Nord Africa e dall’India. Persone fortunate certo, perche’ hanno avuto la possibilita’ di trasferirsi in luoghi “migliori”, ma forse proprio per questo a me non e’ mai passato per la testa di vederli diversi.

Quando avevo 20 anni, nella mia combriccola di amici c’era anche Samba, un ragazzo di Dakar che studiava in Italia. Beh, lui era il mio amico Samba, e non era un negro: andavamo in giro a fare gli imbecilli con le ragazze, studiavamo insieme, lui veniva a casa mia, io andavo a casa sua, lui mi dava uno spintone e io ricambiavo con un calcio nel sedere. Tutto assolutamente normale.

Non c’e’ nessuna colpa particolare che i neri abbiano mai commesso per meritarsi il disprezzo e il pregiudizio dei bianchi; l’unico demerito di cui, comunque, non sono responsabili, e’ di essere nati in paesi poveri, di non avere avuto opportunita’, e di avere il colore della pelle diverso da quello di chi ha sempre avuto soldi e potere.

Il razzismo e’ una malattia, va combattuta e rimossa definitivamente. Quanti Mozart, Einstein e Shakespeare ci siamo persi negli ultimi secoli per colpa della nostra visione in bianco e nero? Qualcuno potrebbe obiettare che cosi’ ci siamo anche beccati qualche Jack lo squartatore, qualche Hitler e qualche Unabomber in meno. Il fatto e’ che di pazzi e deliquenti la Terra e’ piena, questo e’ un altro discorso, e possiamo solo mandarli a marcire in galera, nient’altro.

Ma solo l’idea di esserci persi qualche teoria scientifica rivoluzionaria, qualche opera teatrale o un altro K626 mi fa sentire un essere indegno.

Annunci

8 novembre 2008 - Posted by | Bestialita' |

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: