TuttoQua?

L'umanita' sta regredendo

Il carretto passava…

… e quell’uomo gridava *(@ET$^#*&$^!!!

E, in effetti, il problema era proprio quello, l’Hindi. Nei nostri primi giorni nella casa in cui siamo tutt’ora, un tizio arrivava puntuale tutte le mattine, suonava al campanello e, da dietro il cancello, gridava qualcosa in Hindi. Constatato il nostro scarso interesse, qualunque fosse il messaggio, se ne andava piuttosto stupito e dubbioso.

Nel frattempo noi eravamo alle prese con una questione ben piu’ seria che, al passare di ogni giorno, assumeva i toni del dramma: come disfarsi della spazzatura?

Sin da quando ero arrivato in India, e ben prima che la mia famiglia mi raggiungesse, mi ero sempre chiesto come si smaltissero i rifiuti nel paese. Guardavo ovunque: nelle strade, nei vicoli, nei cortili. Non c’era l’ombra di un cassonetto, un bidone, un cestino, ‘na fossa comune, niente!

All’epoca non era un problema, perche’ vivendo in una Guest House, c’era chi portava via la spazzatura al posto mio. La cosa divenne invece molto, ma molto seria quando ci spostammo nella nostra casa. Dopo una settimana avevamo gia’ accumulato abbastanza rifiuti da aprire una discarica e, ovviamente, per non tenerli in casa, li avevamo messi nel giardinetto sul retro, in attesa di capire come funzionasse la cosa.

Fessi! Eravamo in Agosto… in India!!! Quei sacchetti, nel giro di pochi giorni, divennero ricettacolo per ogni genere di insetto e larva, una roba da fare schifo all’India stessa. Ma non c’era nulla da fare, non c’erano bidoni, nessuno sapeva niente, e la merce puzzolente si accumulava.

I miei colleghi si affannavano a dire: “ma guarda che ogni giorni passa qualcuno a ritirarla!”. Ma non passa nessuno gli rispondevo io, come devo fare?? “Ma e’ strano, qualcuno deve pur passare!”. E invece niente… che disperazione.

Finche’, un giorno, TuttoQua Girl oso’ l’inosabile e, quando l’uomo che gridava *(@ET$^#*&$^ la mattina suono’ alla porta, lei usci’ e lo raggiunse. Guardando oltre il cancello, sulla destra, noto’ che c’era un carrettino pargheggiato. Sapete cosa c’era sul carrettino? Spazzatura!!!

Il tizio gridava *(@ET$^#*&$^, cioe’ spazzatura!! Da quel giorno, ogni mattina, lo omaggiamo con un paio di sacchetti di cui ci liberiamo con grande gioia, prima che diventino colture di colera.

Quindi sappiate che, in India, la spazzatura viene raccolta da questi omini. Non ci sono cassonetti, non ci sono camion della NU, ci sono gli omini e i loro carretti.

E dove finisce questa roba? Viene per caso riciclata, separata a monte, a valle, o in qualunque punto tra il monte e la valle? Esiste in India una qualche minima sorta di conservazione dell’ambiente e delle risorse naturali?

Vi ricordo che su questo Blog non ci sono barzellette, quindi cerchiamo di essere seri.

Nella democrazia piu’ grande del Mondo, nel paese piu’ tecnologico del Mondo, nel luogo dove ci sono le menti matematiche piu’ rilevanti di tutti i tempi, tutti i rifiuti  indo-prodotti vanno a finire in discariche a cielo aperto. Nei pressi di uno degli uffici della mia azienda, in un quartiere di Delhi che si chiama Okhla, ce ne e’ una impressionante. L’ho soprannominata MM, cioe’ Monte Monnezza, o Monte Merda, a seconda del mio stato d’animo. A parte il fatto che a pochi metri di distanza c’e’ un ospedale pubblico, la cosa funziona cosi’:

la spazzatura sta li’, emanando ogni genere di odore e lasciando defluire liberamente sottoterra i liquidi della decomposizione (ricordatevi che qua fa un caldo boia e gli insetti si riproducono come conigli!). Come fanno a selezionare i rifiuti? Semplice, lasciando la discarica aperta, cosi’ che tutti vi possano entrare.

Sulla montagna pascolano incessantemente molte specie di animali, soprattutto mucche e maiali, nonche’ tantissimi cani. Queste bestie forniscono un primo livello di selezione dei rifiuti, asportando tutto cio’ che riescono a mangiare e vi assicuro che queste mangiano di tutto (una volta ho visto un maiale sgranocchiare una rete di canapa…). Inutile dire che quelle mucche sono le stesse che danno il latte, che poi noi… beh lasciamo stare.

garbagedelhi02

Poi ci sono le persone. Branchi di poveri disgraziati bambini inclusi, che mi fanno una pena immensa, vagano all’infinito tra sacchetti e ogni altro genere di orrore, alla ricerca di qualcosa di commestibile o di riutilizzabile. Questo, pare, sia il secondo passaggio.

garbagedelhi01

Al terzo step ci pensano le migliaia di uccelli che volteggiano in pianta stabile sulla montagna.

Quello che resta viene lasciato li’, ai posteri. Materiali organici, plastica, vetro, metalli, nonche’ batterie e grassi e derivati vari del petrolio e cose che voi comuni mortali non potete neanche immaginare. Astronavi in fiamme al largo dei Bastioni di Orione ed altre cose cosi’….

E noi tutto questo ce lo mangiamo e ce lo beviamo e, i turisti che vanno a Goa, ci fanno pure il bagno dentro e tornano a casa raccontando le bellezze dell’India e quanto gli sia piaciuta l’esperienza mistica.

Advertisements

9 marzo 2009 - Posted by | Bestialita'

4 commenti »

  1. Pensa che quando noi abbiamo cominciato a bonificare quello che doveva diventare il nostro giardino abbiamo scoperto che l’inquilino precedente (nepalese) per non pagare le 200 rs al mese per i rifiuti aveva semplicemente sparso la monnezza nel suddetto giardino. Abbiamo passato mesi a pulire da: batterie usate, lamette per la barba, assorbenti, tonnellate di bottiglie di birra, lampadine, plastiche varie ecc. ecc. ecc.

    Ciao! Niki

    Commento di Niki | 9 marzo 2009 | Rispondi

  2. Ma che maiale!! Non ce la possono fare…

    Commento di tuttoqua | 9 marzo 2009 | Rispondi

  3. […] C’e’ da dire che, prima ancora del disgusto, interviene il mio senso dell’olfatto che prende il sopravvento su qualunque altro senso, e ordina perentoriamente al mio cervello di tenersi ad almeno 10 metri di distanza. Non che serva, perche’ l’intera zona e’ permeata da un fetore insopportabile, proveniente in parte dalla suddetta bancarella e da altre vicine, ma anche dalla mostruosa discarica a pochi passi di cui vi ho gia’ raccontato. […]

    Pingback di A tavolaaaaa!!! « Tutto Qua? | 17 marzo 2009 | Rispondi

  4. simpatica disamina

    Commento di FDM | 27 aprile 2009 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: