TuttoQua?

L'umanita' sta regredendo

Ambientalcomunismo

Il titolo di questo POST nasce dal connubio di due termini non solo abusati, ma spesso troppo generalizzati. E’ assai probabile che una buona percentuale di chi utilizzi le parole ambientalismo e comunismo, in realta’ non sappia di cosa stia parlando. Ad esempio: io ambientalista lo sono, nel senso che mi sta a cuore l’ecologia, ma in pratica cosa faccio? Aiuto, partecipo, contribuisco in modo attivo? No. Piu’ che altro cerco di non sporcare, di fare la raccolta differenziata (almeno in Italia), pero’ e’ anche vero che lascio tutti i led degli elettrodomestici accesi, non mi faccio troppi scrupoli nell’usare l’aria condizionata e preferisco sempre e di gran lunga l’automobile alle varie alternative.

In secondo luogo: sono comunista? Ma neanche per sogno, mi viene da dire!! D’altronde e’ anche vero che mi farebbe piacere vivere in in Mondo meno legato all’andamento dell’economia e piu’ attento a certi temi sociali, in particolare all’uguaglianza e alle pari opportunita’ per tutti.

Ma allora che cosa sono io? Non lo so, forse un ibrido, ma di sicuro sono contro gli ambientalcomunisti! Chi sono gli ambientalcomunisti? Sono tutti quelli che, in nome di un Ambiente di cui non sanno molto e di cui in realta’ non si preoccupano piu’ di tanto, sparano sentenze di matrice sinistroide contro i “capitalisti” e contro i Governi di centro-destra. L’esempio piu’ palese ce l’abbiamo avuto in Italia per decenni: i Verdi, il partito di sinistra guidato da Marco Pecoraro Scanio che, almeno per il momento e per fortuna, si e’ tolto dai piedi, e speriamo vivamente che resti li’ dove si trova in seacula saeculorum in sempiterno Deo, amen. I Verdi, un partito politico che, nel nome del colore della speranza, ha bellamente ostacolato ogni iniziativa mirata al miglioramento del benessere comune e alla crescita della comunita’. L’energia nucleare? Non e’ sicura! E oggi dipendiamo completamente dalle importazioni di petrolio e gas naturali. Gli impianti di riciclaggio e compostura? No, danneggiano l’ambiente! E oggi non sappiamo dove buttare la roba e ne siamo sommersi, oppure dobbiamo pagare per smaltirla in Germania. Chiudere gli occhi per far finta che i problemi non esistano, e concentrarsi su interessi personali, di lotta politica, di ambizione al potere, e di cura del proprio orticello, e’ un atteggiamento contro il quale dovrebbe esistere un’apposita pena prevista dal Codice Penale.

In realta’, tutto questo ho deciso di scriverlo dopo aver letto un POST sul blog Ecoblog.it. Non ho resistito alla tentazione di lasciare un commento, anche se ho detto 1/100-esimo di cio’ che avrei voluto dire. Ma d’altronde non era quello il luogo. Le omelie impazzano, li’ come in altre situazioni, gente che si accanisce contro le automobili, qualcuno confonde il parco immatricolato con il parco delle vetture circolanti, oppure sceglie di concentrarsi sul problema minore (auto) per ignorare il male peggiore (riscaldamento, industrie, mezzi pesanti). Parlano di parcheggi, di rafforzamento del trasporto pubblico, come se le risorse economiche dell’Italia fossero infinite, e come se si potesse indiscriminatamente cementificare ogni campo di patate lasciato libero dell’edilizia, o semplicemente aumentare il numero degli orrendi torpedoni color arancio che gia’ infestano le nostre citta’.

Mi consigliano di prendere la bici, che in Italia e’, statisticamente, il mezzo di trasporto piu’ pericoloso. Col cazzo che prendo la bici in citta’ e col cazzo che ci metto su mio figlio! Allora mi suggeriscono di prendere il taxi, come se il taxi fosse gratis e non costasse piu’ del dentista e del notaio messi insieme.

Ma allora vai in metro, mi dicono? Ah si, e per andare dove? Avessi la fortuna di abitare a Piazza di Spagna e lavorare all’EUR e di fare orario d’ufficio 9-18, forse ci penserei… e invece no, non lo farei comunque! Io sudo molto, mi ci vedete andare in ufficio oppure, peggio, andare in giro per clienti in giacca e cravatta col portatile in spalla, in metropolitana all’ora di punta, magari in estate? No grazie, preferisco vivere e fare due ore di traffico. Si, la mia auto inquina come tutte, ma faccio parte di quel misero 4% che butta schifezze nell’aria, e finche il restante 96% la passera’ liscia, non vedo perche’ dovrei privarmi del mezzo privato.

Gli investimenti vanno fatti d’accordo, ma i soldi sono pochi e vanno spesi bene e in modo mirato. Mettersi a sparare sentenze come fanno gli ambientalcomunisti, solo per il gusto di esporre un po’ di sana ignoranza e tanta arroganza al pubblico non pagante, non solo e’ inutile ma, a me, da anche un po’ di voltastomaco.

Oppure scusate, magari sono stati i peperoni di ieri sera, e questo POST e’ del tutto fuori luogo.

Annunci

23 maggio 2009 - Posted by | Bestialita' | , , , , , , , , , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: