TuttoQua?

L'umanita' sta regredendo

Star Trek 2.0

TSDSTTR PA062A domanda: “Conosci Star Trek?”, se la risposta e’ Si, allora va tutto bene e il Mondo gira ancora nel verso giusto, ma se la risposta e’ No, allora sarebbe bene lasciare questo Mondo con ignominia. Oddio, non che uno si aspetti che l’intera popolazione mondiale ne sappia a pacchi di tutte le vicende della famosa serie TV in questione, al punto da riconoscere tutti i protagonisti anche dal solo deodorante ascellare, pero’ c’e’, secondo me, una caratteristica della storia che, bene o male, tutti conosciamo. La tecnologia! Ad esempio, chi non ha mai sentito parlare di teletrasporto? Oppure dei mitici comunicatori in cui il capitano Kirk (e tutti gli altri a seguire) parlava con l’equipaggio? “Kirk a Enterprise: tirateci su”, che poi in lingua originale e’ anche piu’ bella: “Kirk to Enterprise: beam me up Scotty!”. E i raggi a particelle (phaser)? E i replicatori di materia?

La verita’ e’ che non e’ un mistero che tutti i maggiori autori di fantascienza (di libri com Verne prima e Aasimov e Clarke poi, e di pellicole, come Gene Roddenberry, l’autore di Star Trek appunt0), per anni abbiano spesso avuto intuizioni felicissime sulla tecnologia futura. Dalle cose piu’ banali ai dispositivi piu’ complicati.

Star Trek poi, di gadget di varia natura ne ha sempre offerti a bizzeffe, solleticando la fantasia degli appassionati, ma anche degli scienziati e dei ricercatori che poi, queste cose, qualche volta, le costruiscono davvero. Se, ad esempio, si disponesse del Motore a Curvatura (Warp Engine), si potrebbe viaggiare nello Spazio coprendo immense distanze in tempi brevissimi. Il fatto e’ che questo propulsore non esiste ancora , ma esistono delle teorie che lo renderebbero realizzabile, magari in un futuro ancora molto lontano.

Il teletrasporto? Beh, sembra un’altra chimera, ma ora c’e’ chi riesce a teletrasportare da qui a li’ un’intera molecola. Vi sembra poco? Aspettate un’altra cinquantina d’anni, e poi ne riparliamo, perche’ con le tecnologia attuali le cose sembrano impossibili, ma con quelle del futuro chi lo sa?

Anni fa mi diverti’ molto leggere un libro intitolato “La Fisica di Star Trek”, con cui il fisico americano Krauss si sollazza, anche se con un certo rigore scientifico, ad evidenziare l’irrealizzabilita’ di alcuni dispositivi, mentre afferma che altri sono sicuramente piu’ alla nostra portata. Tra i primi, c’e’, appunto, il teletrasporto, un aggeggio in grado di smaterializzare una forma di vita (e anche un oggetto ovviamente) a livello atomico, di inviarlo sotto forma di dati alla stazione ricevente, e di ricomporlo tale e quale a partire da atomi elementari. Nel libro si osserva che, per analizzare un corpo umano a livello atomico in pochi secondi, servirebbe una tecnologia che ancora non c’e’. Se poi si dovesse portare a bordo (sulla nave in orbita) una persona che si trova a terra, la si dovrebbe inquadrare con un telescopio le cui lenti dovrebbero essere di 50 Km di diametro. Essendo la piu’ grande delle Enterprise (NCC-1701-E) lunga “appena” 700 metri… Per non parlare dell’energia necessaria ad atomizzare un corpo, il cui ordine di grandezza dovrebbe essere non so quante migliaia di volte piu’ grande della bomba di Hiroshima. E, per spedire i dati dall’altra parte? Andrebbero memorizzati… in un hard disk alto come da qui ad un terzo della distanza dal centro della Via Lattea. Insomma, improponibile, per ora.

C’e’ una cosa, d’altro canto, che sta prendendo forma molto piu’ rapidamente del previsto: il Ponte Ologrammi. Una stanza in cui, sempre nelle intenzioni degli autori di Star Trek, il computer puo’ ricreare virtualmente qualsiasi scenario, con possibilita’ d’interazione con forme di vita e oggetti pressoche’ illimitata. Fino ad oggi, gli ologrammi erano fermi a poco piu’ che fuochi fatui, proiezioni tridimensionali con poca sostanza e, soprattutto, zero tangibilita’.

Fino ad oggi… adesso guardate ‘sti giapponesi che hanno combinato:

Grazie alla proiezione mirata di ultrasuoni, questo dispositivo riesce a “far sentire” gli oggetti! Un sacco di gente ha subito fantasticato su possibili applicazioni in campo sessuale. Ehm… che ci si arrivi o meno, e’ ovvio che le priorita’ potrebbero essere altre, come si puo’ leggere molto bene anche in questo articolo (in cui e’ riproposto lo stesso video). Una delle caratteristiche piu’ interessanti dell’intero progetto e’ che questo si basa largamente su tecnologie disponibili a basso costo, come il Nintendo Wii, di cui viene utilizzato il sensore di movimento.

Incredible Japan!

PS: se avete risposto No alla domanda in cima a questo POST, e non avete intenzione di lasciarci con ignominia, allora e’ bene che vi andiate a documentare, prima che scatti l’inevitabile estradizione a tempo indeterminato 😀

Annunci

28 ottobre 2009 - Posted by | Cose da ricordare, Cose tecniche | , , , , , , , , , , , ,

3 commenti »

  1. Wow!!! quanto mi piacciono queste cose… prima di tutto: ho risposto SI alla prima domanda! 😀 seconda cosa: non avrei MAI pensato ai risvolti sessuali della nuova tecnologia, stavo già pensando a come applicarla ai videogiochi!!! 😛 immagina un Tekken dove le prendi per davvero… o un Gran Turismo che ti fa realmente sentire la forza G nel casco… sbaaaaaav!
    Per il teletrasporto… IO non mi farei MAI scomporre in atomi e ricomporre da qualche altra parte! ma siamo matti!!! e se mi perdono per la strada? e poi, metà del divertimento di un viaggio, è proprio il viaggio stesso… buon weekend amico, per me il fine settimana inizia domani! Torino, aspettami!!!_Ste

    Commento di Ste | 29 ottobre 2009 | Rispondi

    • AZZ, ma allora sei come il dottor McCoy! 😉 Buon WE anche a te.

      Commento di tuttoqua | 29 ottobre 2009 | Rispondi

      • “Sono qui per fare il medico, non per vedere i miei atomi sparsi qua e la’ da quest’aggeggio…” mitico! 😀

        Commento di Ste | 29 ottobre 2009 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: