TuttoQua?

L'umanita' sta regredendo

Post-gara Gran Premio di F1 d’Australia 2010

Era scritto nella pietra, TuttoQua Girl mi e’ testimone del fatto di aver dato l’annuncio prima della partenza: circuito cittadino insidioso, con prima curva disgraziata + asfalto bagnato + monoposto stracariche di carburante = incidente. E, incredibilmente, chi si ritrova nella trappola? Tre campioni del Mondo! Gente, certo, con ambizioni iridate, che non puo’ permettersi di lasciarsi sfuggire nulla, ma Button, Alonso e Schumacher che si colpiscono a vicenda e’ una cosa da ricordare perche’ non accadra’ frequentemente. Irrilevanti le responsabilita’, perche’ li’ non si sono proprio visti. Button se la cava relativamente bene, e continua subito, mentre lo spagnolo si gira e riparte dal fondo del gruppo, e il 7 volte campione del mondo rompe il musetto e se ne torna presto presto ai box a montarne uno fresco. A proposito, avete notato il crick laterale che usa il team Mercedes per sollevare velocemente il muso della monoposto? Notevole.

Dunque: pronti, partenza, via!! E… tutti dietro la safety car. Che palle! Con l’unica emozione provocata dal vedere una Mercedes SLS abbastanza da vicino (la safety car appunto). Poi si riparte, la pista inizia ad asciugarsi e Button si precipita a razzo a mettere le gomme slick. Rientra e fa una piccola cazzatina, e allora giu’, con tutti i saggi telecronisti che dicono che e’ troppo presto, che la paghera’ cara, che questi errori non si dovrebbero commettere. Infatti, Jenson Button ha vinto il Gran Premio d’Australia! Ricordo a tutti che, a mio modesto parere, si tratta sempre e comunque di un pilota mediocre, ma questo dimostra quanto sia sensibile la Formula 1 moderna alle strategie e alla gestione dinamica delle diverse situazioni che si possono presentare in pista.

Ha vinto solo per questa ragione? No, certamente. E’ la RedBull che ha perso, con la macchina di Vettel che si rompe due volte in due gare (team radio eloquente: “break failure. Front left. That’s it!”). E con un Webber che, nonostante disponga di una vettura velocissima, compie troppi errori, forse dovuti alla foga di giocare in casa, e non traduce il potenziale.

Alonso va fortissimo, risale dalla 18a alla 5a posizione, fa segnare tempi record e piazza sorpassi da grande campione. Un piacere per la vista e per il cuore da ferrarista. Tutto questo fino a quando non si ritrova imbottigliato dietro un Felipe Massa che non impressiona per tutta la gara, fatta salva una partenza al fulmicotone, e subisce piu’ di un sorpasso troppo facile. Chiude terzo, ma dove sarebbe arrivato se non avesse lasciate spalancate le traiettorie? E dove sarebbe arrivato Alonso se l’avesse fatto passare? A proposito, ma non si era detto che a causa dell’esasperazione dell’aerodinamica, prendere la scia e sorpassare sarebbe stato impossibile? E allora i sorpassi che si e’ beccato il brasiliano di chi sono figli? Io un sospetto ce l’ho, che poi e’ una delle mie solite omelie: Massa e’ incostante, se e’ in giornata allora si gode parecchio, ma se si alza storto non c’e’ proprio verso. Oggi si era alzato storto. E credo che si becchera’ un cazziatone, perche’ e’ pur vero che gli ordini di scuderia sono proibiti, ma il team gli ha mandato un messaggio eloquente, soprattutto quando gli ha detto che Hamilton stava arrivando a bomba dietro Alonso e che era il caso di sorpassare Rosberg entro i due giri successivi. Come l’avreste letta voi? Io cosi’: “ragazzo, Hamilton sta per rompere le palle al tuo compagno. Mostra di poter andare piu’ veloce di cosi’ altrimenti levati di mezzo”. Lui invece l’ha messa in questo modo: “col cazzo che mi levo, gia’ Alonso mi ha fatto fare una figura di merda 15 giorni fa, figurarsi se io posso fare sempre il gregario. Arriva Hamilton? E chi se ne frega, saranno cazzi di Alonso, mica miei, evvai!”. Mmmm… queste robine qui a Maranello non si digeriscono bene.

Le Ferrari, comunque, portano a casa punti buoni, Alonso resta in testa al Mondiale e la scuderia tiene la leadership anche nella classifica dei costruttori. Onestamente, visto anche come si erano messe le cose, non puo’ andare che bene, anche se mi sarebbe piaciuto vedere l’asturiano alle prese con Button & C. li’ davanti per poterli bastonare senza ritegno.

Onore anche a Robert Kubica, che con una Renault cosi’ cosi’ tiene e non molla un secondo posto che vale tanto oro quanto pesa.

Il tedescone 41-enne della Mercedes stavolta fa peggio, arriva decimo (partiva settimo), complice l’incidente in avvio come abbiamo detto. Ma non va piano, anzi, solo che non riesce a liberarsi di Alguersuari della Toro Rosso, che ha ventun’anni meno di lui ma che non si e’ lasciato intimorire dal palmares piu’ gigantesco della storia del motorismo. Il giovane connazionale Rosberg arriva quarto (partiva sesto), confermando come sempre il suo grande talento. Certo che se la Mercedes crescesse un altro po’ sarebbero tempi duri per tutti.

Hamilton… che dire? Guida una McLaren rinvigorita e ultra-veloce, mette in pista una grinta e una determinazione impressionanti ma… a un giro dalla fine, credo per un eccesso di zelo, si tocca con Webber (che rompe il musetto) e perde posizioni importanti. E’ il solito Hamilton che, se non e’ davanti a tutti, incontra enormi difficolta’ a concretizzare.

Gli altri si muovono al rallentatore. I nuovi team arrancano, con addirittura la Virgin che conferma (dopo averlo dichiarato in settimana) di aver progettato un serbatoio troppo piccolo, a causa del quale non e’ in grado di imbarcare fluido sufficiente a terminare le gare!  Io me la rido, ma non vorrei proprio essere nei panni dell’ingegnere responsabile di questa cagata pazzesca.

Una cosa mi e’ piaciuta pero’. Ed e’ il fatto che, in questa stagione, quando un pilota fa un piccolo errore c’e’ una pletora di piranas pronti ad approfittarne. Piu’ di una volta oggi abbiamo visto che le piccole incertezze e gli errori di controllo hanno determinato ribaltamenti rilevanti. E’ una variabile da tenere in alta considerazione, visto l’altresi’ piattume generale.

Per chiudere, un commento sulla RAI. Prima di tutto Mazzoni: non so se si tratti di arteriosclerosi galoppante, ma ormai non azzecca proprio piu’ niente! Non che prima fosse un fenomeno, ma il trend e’ davvero preoccupante, perche’ durante la corsa e’ riuscito a confondere un paio di volte anche il sottoscritto, che di solito e’ immune alle cazzate del suddetto e si accorge dei fatti 45 minuti prima che lui li faccia notare (sbagliando pure). Ma anche l’Ing. Bruno, che tanto bravo e’ dal punto di vista tecnico, non potrebbe imparare a tacere durante i team radio??? Ma che ci vuole, basta guardare il monitor e ammutolirsi! Ivan Capelli, ti prego, tu sei l’unico sano di mente li’ dentro, compenetrati e tira qualche calcio sotto la scrivania!

E il cambio di canale a 10 minuti dal termine? E’ incredibile e inaccettabile che nel 21-esimo secolo la RAI non riesca a gestire il palinsesto in modo da garantire copertura sulla stessa rete! Eppure il calendario di F1 viene pubblicato con mesi di anticipo! Io non ricordo di aver mai assistito ad alcun programma di Mediaset dove all’improvisso ci si trovasse a dover passare da Canale5 a Italia1! E, come se non bastasse, grazie al Digitale Terrestre, RAI2 oggi si vedeva una merda, per cui gli ultimi 10 giri li ho solo potuti ascoltare, ripiombando nel medioevo della Radio. Hai SKY mi direte voi. Certo, ma SKY quest’anno non ha acquisito i diritti della Formula 1 e la gara su RAI2 via SKY era criptata! Vergogna, immensa vergogna! Questo sarebbe sufficiente a convincermi a non pagare il canone.

Commento gara precedente: Gran Premio del Bahrain 2010.

Annunci

28 marzo 2010 - Posted by | formula 1 | , , , , , , , , , ,

22 commenti »

  1. stamattina mi sono completamente dimenticato che c’era il gran premio, colpa della giornata lavorativa, è si i negozi sono aperti, il venerdi si mangia di magro ma la domenica lavori, contraddizioni del Dio Danaro…… tornando al GP e il cambio di canale, visto che siamo domenica, non è che dopo la gara c’era la messa? vuoi mica far aspettare il vaticano? dopo tutto è la domenica delle palme, dopo il natale e la pasqua e il giorno migliore per raccogliere tifosi, pardon credenti!!! Forse mi sbaglio, ho scritto d’impulso però………. ciao

    Commento di maurizio | 28 marzo 2010 | Rispondi

    • No, hai ragione Maurizio, c’era la Messa. Ma con 3 reti a disposizione si possono trovare soluzioni valide. Ad esempio trasmettere tutta la gara su RAI2.

      Commento di tuttoqua | 28 marzo 2010 | Rispondi

      • sei un blogger da formula uno, rispondi ai commenti a velocità supersonica.
        sai che mi dispiace aver ragione, e non perchè la ragione si da agli asini ma perchè abbiamo un servizio pubblico, la rai, che ha dei mezzi eccezionali ma li mette a disposizione per questo o quel potere e noi utenti, come al solito, finiamo per sottometterci e finiamo sodomizzati.

        Commento di maurizio | 28 marzo 2010 | Rispondi

        • Nulla da dire Maurizio, e’ esattamente come dici tu. Che tristezza.

          Commento di tuttoqua | 28 marzo 2010 | Rispondi

  2. Secondo me la cosa piu’ assurda e’ il commentatore di turno che al cambio di canale si sente in dovere di salutare il pubblico della nuova rete e di fare una veloce presentazione dell’evento !!
    Come se esistessero persone che sintonizzano il proprio televisore su di un solo canale
    e durante la giornata, passano di programma in programma senza mai cambiare.

    Commento di bruno | 28 marzo 2010 | Rispondi

    • Si Bruno, in effetti e’ proprio una fesseria! 😀

      Commento di tuttoqua | 29 marzo 2010 | Rispondi

  3. Grande commento….fossero tutti così. Non penso che Massa dovesse cedere la posizione, questo comportamento sarebbe poco sportivo soprattutto se fatto a inizio a campionato. Se non erro era una vecchia tattica di schumi e per questo non mi è mai stato simpatico (vedi austria 2003-2004). Preferisco che Alonso conquisti il titolo lottando con tutti i suoi avversari compreso massa e cosi dovrebbe fare chiunque intanda diventare campione di F1

    Commento di 123albatros | 28 marzo 2010 | Rispondi

    • Sul piano etico e morale sono d’accordo con te Albatros (123), sul puro piano del business no. E’ una lotta dura: vince il cuore o il portafogli? 😉

      Commento di tuttoqua | 29 marzo 2010 | Rispondi

      • Ha fatto benissimo Massa a non cedere la posizione… in fondo ha imparato sulla sua pelle che i campionati si perdono anche per pochi punti… e siamo solo alla seconda gara, quindi anche lui è ancora in corsa per il titolo!!! 🙂 che poi Alonso sia il pilota di punta è un altro discorso, ma deve dimostrarlo anche in pista (e sono sicuro che lo farà, in MOLTE occasioni…hehehe). Piuttosto non sono d’accordo con la tattica della Ferrari, io avrei differenziato le due strategie, mettendo gomme nuove ad almeno una delle due macchine… il rischio di un degrado improvviso secondo me era alto, e in tal caso saremmo qua a parlare di una disfatta… che ne dite, siete d’accordo?

        Commento di Ste | 30 marzo 2010 | Rispondi

        • Ste, secondo me la pioggia ha sputtanato un po’ le strategie. E, comunque, secondo me avevano usmato che la maggior parte degli altri team avrebbero fatto la gara con lo stesso treno, quindi fare un pit stop in piu’ sarebbe stato penalizzante. Vedi Hamilton, che essendo un mangiagomme e’ stato costretto a metterle nuove dopo un po’ e ha perso posizioni importanti.

          Commento di tuttoqua | 30 marzo 2010 | Rispondi

          • Beh, però Hamilton girava 1 secondo e 7 più veloce di quelli davanti, e se non avesse trovato Alonso davanti (e Webber dietro) sarebbe potuto tranquillamente arrivare al secondo posto… io ci avrei provato, il problema è con chi! Massa non è la persona più adatta ad una rimonta furiosa, Alonso era tutta la gara che ci “tirava nel collo” e sbagliare strategia sarebbe stato un disastro…forse è per quello che si son fermati 😉

            Commento di Ste | 30 marzo 2010

          • Secondo me il problema sono proprio i sorpassi, soprattutto nella situazione dell’Australia, con le gomme gia’ mezze mangiate. Tentare un sorpasso al giorno d’oggi (tra macchine equiparabili ovviamente e non tra saette e lumache) e’ gia’ un azzardo, rischiare di distruggere quel poco di gomma che ti resta e’ forse troppo.

            Commento di tuttoqua | 30 marzo 2010

  4. Grande commento, dovrebbero essere tutti così. Riguardo Massa/Alonso penso che Massa avesse tutto il diritto di tenersi la posizione, cederla ad Alonso sarebbe stato un comportamento poco sportivo soprattutto se fatto a inizio a campionato. Se non erro era una vecchia tattica di schumi e per questo non mi è mai stato simpatico (vedi austria 2003-2004). Preferisco che Alonso conquisti il titolo lottando con tutti i suoi avversari compreso massa e cosi dovrebbe fare chiunque intanda diventare campione di F1

    Commento di 123albatros | 28 marzo 2010 | Rispondi

  5. Sono anni che quando la F1 viene trasmessa sulla RAI noi appassionati ci dobbiamo addattare.Io personalmente rinpiango Mediaset.

    Commento di Gianni | 28 marzo 2010 | Rispondi

    • Gianni, io sono arrivato al punto di rimpiangere Poltronieri, e ho detto tutto! 😀

      Commento di tuttoqua | 29 marzo 2010 | Rispondi

  6. Ti segnalo una perla dell’izopportabbile Mazzoni: “Alonso rafforza la posizione in classifica”.
    Ha perso tre punti sul secondo…
    Dottordivago

    Commento di ilpandadevemorire | 28 marzo 2010 | Rispondi

    • HAHAHAHAHAHAHAHAH me l’ero persa questa Doc!

      Commento di tuttoqua | 29 marzo 2010 | Rispondi

  7. Innanzitutto devo dire che mi son proprio divertito!!!! a parte il cambiamento di rete, ed alcuni “brevi istanti di pubblicità” nei momenti sbagliati… però il caro, vecchio Giove Pluvio ci regala sempre gare interessantissime!!! 🙂

    sull’analisi dei piloti…concordo quasi tutto, a parte il giudizio troppo negativo su Hamilton: io invece penso che abbia fatto una buona gara, e devo fargli i complimenti per non aver spaccato la faccia a Webber a fine GP!!!! buttato fuori 2 volte in rimonta… comunque conferma la sua fama di “mangiagomme”, mentre lui si lamentava delle gomme che perdevano prestazioni dopo 10 giri dal pit stop, il suo compagno di squadra stava percorrendo il 40esimo giro!!! 🙂

    Al prossimo GP! Pasqua o no, non voglio perderlo!_Ste

    Commento di Ste | 28 marzo 2010 | Rispondi

    • Ste lo so, riconosco il mio pregiudizio… Il fatto e’ che Hamilton proprio non lo sopporto… e’ piu’ forte di me. E non riesco a parlarne bene, almeno non piu’ di tanto. E’ veloce, questo e’ fuori discussione, ma siccome e’ stronzetto e traditore, io do per scontato che porti queste virtu’ anche in pista.

      Commento di tuttoqua | 29 marzo 2010 | Rispondi

  8. di F1 non capisco una mazza, son passata a ringraziarti per la consulenza tecnica per l’alta tensione 😉 grassie!

    Commento di Erbaviola | 30 marzo 2010 | Rispondi

    • Se e’ per questo anch’io di alta tensione non capisco una mazza 😀

      Commento di tuttoqua | 31 marzo 2010 | Rispondi

  9. […] Commento gara precedente: Gran Premio d’Australia. […]

    Pingback di Post-gara Gran Premio di F1 di Malesia 2010 « TuttoQua? | 4 aprile 2010 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: