TuttoQua?

L'umanita' sta regredendo

Uno sguardo al futuro

Uno dovrebbe parlare delle cose che conosce, me ne rendo conto. E mi rendo conto che su questo blog rarissimamente ho raccontato di tecnologia legata al mio ambito professionale. Per chi non lo sapesse ancora, lavoro nelle Telecomunicazioni. Questo significa che negli anni ho avuto a che fare con praticamente tutto cio’ che in qualche modo interagisce con un telefono cellulare: dal fatto di connettersi al proprio gestore, fino a utilizzare servizi di varia natura, come i messaggi, la navigazione wap/web e ancora al mondo delle applicazioni.

Bene, oggi voglio parlare brevemente di futuro, perche’ le Telecom stanno andando incontro ad un cambiamento epocale. Cerchero’ di essere breve e semplice, voi fate domande se credete e votate il sondaggio in fondo al POST.

Iniziamo dalla Rete. La Rete di comunicazione cellulare e’ composta da tanti pezzi, tutti molto complessi, ma i due sottoinsiemi piu’ rilevanti sono la Rete di Accesso, cioe’ il sistema che consente ad un cellulare di agganciarsi a un ripetitore, e la Rete di Trasmissione, vale a dire quel vastissimo sistema di trasporto, fatti di cavi e ponti radio, che collega tutti i ripetitori alle centrali e che porta in giro la nostra voce e i nostri dati. Entrambi questi pezzi stanno per cambiare drasticamente. Negli anni abbiamo assistito ad una evoluzione frenetica: dal TACS, al GSM, al GPRS, all’EDGE per arrivare all’UMTS, meglio conosciuto come 3G. Naturalmente l’evoluzione non ha cancellato il pregresso. Ad esempio la copertura GSM/GPRS resta ancora la migliore quando si tratta “parlare”. E’ capillare, arriva quasi dovunque, e’ piu’ stabile ed e’ anche piu’ economica, dal punto di vista dell’operatore. La copertura UMTS e’ meno capillare (ma tendera’ a raggiungere quella del GSM presto), ma e’ molto piu’ potente. La navigazione mobile in banda larga si realizza solo con l’UMTS. In alcune grandi citta’ italiane si puo’ arrivare anche a 28.8 Mbit/secondo, a patto di utilizzare una chiavetta capace di tale performance.

Ricordatevi pero’ che la maggior parte dei telefonini in circolazione puo’ fare al massimo i 7.2 Mbit/secondo.

Ma al di la’ di questo, la verita’ e’ che per la maggior parte del territorio, la velocita’ reale di connessione si attesta intorno ai 2 Mbit/secondo. Questo non solo perche’ garantire ovunque una copertura ad altissima velocita’ e’ una roba costosissima e che ha tempi lunghi di realizzazione, ma anche perche’ la “risorsa radio” (la banda disponibile) e’ limitata, molto piu’ limitata della Rete Fissa (ADSL), per ragioni tecniche con cui non vi voglio annoiare. Nei prossimi 18 mesi, gli operatori si impegneranno da un lato ad aumentare la performance media della Rete Mobile e dall’altro a portarla a valori di picco superiori ai 40 Mbit/secondo, utilizzando la tecnologia HSPA+.

Ma la vera novita’ e’ un’altra. Nel giro di 3 anni circa arrivera’ l’LTE (Long Term Evolution). Una tecnologia radiomobile nuova e innovativa che, gia’ ora in laboratorio e in test specifici sul campo, mostra di poter raggiungere e superare i 100 Mbit/secondo. C’e’ un bel video su Youtube qui. Non e’ utopia, funziona, e un operatore americano che si chiama Verizon ha appena annunciato che l’anno prossimo lancera’ l’LTE in 25 Network in modo da raggiungere circa 300 milioni dei suoi clienti.

Ora, detto tutto questo, immaginate una cosa: che nel giro di 3 anni il numero di automobili triplichi, e che ogni automobile sia grande il triplo del modello analogo attuale. Bene, ora provate a pensare cosa accadrebbe se le strade e le autostrade restassero quelle che sono oggi. Sono gia’ al collasso cosi’, figuriamoci!

Lo stesso problema si pone per un operatore di Telecomunicazioni che ha deciso di dare un servizio incredibilmente veloce e stabile ai suoi clienti. Come si fa a mandare in giro una mole cosi’ grande di informazioni, se la Rete di Trasmissione resta quella attuale?

La risposta e’ la Fibra Ottica. Questo e’ uno dei motivi per cui alcuni operatori italiani si sono recentemente riuniti per cercare di dare vita ad una societa’ che realizzi una infrastruttura di rete ad alta velocita’ e la “venda” agli operatori agli stessi prezzi e alle stesse condizioni. Gia’, perche’ oggi il problema e’ che Telecom Italia ha il controllo della Rete in Italia, una Rete che e’, in larga parte, vecchia e obsoleta. Si basa infatti ancora sul doppino in rame che ormai sta per compiere 60 anni. D’altro canto la rete in rame di Telecom Italia e’ il suo vero assett, e Telecom non intende deprezzarlo cosi’ facilmente, se non e’ in grado di mettere le mani sulla nuova infrastruttura e di monopolizzarla. E infatti Telecom non e’ d’accordo con la proposta degli altri operatori, ma a mio modesto parere non potra’ starne fuori a lungo.

Una Rete in Fibra ottica come la suddetta garantira’ una capacita’ di trasmissione dei dati infinitamente maggiore di quella attuale, permettendo di realizzare le velocita’ di connessione e navigazione che l’LTE promette. E non e’ tutto, perche’ una Rete in Fibra cosi’ capillare mettera’ in condizione gli operatori di fornire una ADSL di nuova generazione che sara’ velocissima e stabilissima. Qui trovate un video sulla Fibra realizzato da Vodafone.

Se vi piace il topic nei prossimi giorni vi parlo del futuro delle applicazioni mobili.

 

14 luglio 2010 - Posted by | Cose da ricordare, Cose tecniche | , , , , , ,

11 commenti »

  1. Sì, sì, continuate con ‘ste robe, che poi nascono i bambini con due teste…
    Poveri noi, dove andremo a finire, con ‘ste macchine a vapore?…
    Dottordivago

    Commento di ilpandadevemorire | 15 luglio 2010 | Rispondi

  2. Risposta al sondaggio: più figa, ragazzo, più figa…
    Dottordivago

    Commento di ilpandadevemorire | 15 luglio 2010 | Rispondi

  3. Interessante. Un paio di considerazioni. Come sviluppare una rete efficiente se le frequenze radio liberate dalla tv analogica, rimangono gratuitamente agli editori anzichè essere assegnate, con asta (vedi Germania) alle connessioni mobili (e qui qualche interesse del ns “Cesare” mi pare evidente). Ancora. A che serve lo sviluppo tecnologico se le compagnie telefoniche non si fanno concorrenza, non sono trasparenti, e fanno pagare un sms fino a 15 (!) cent? Bye Garo.

    Commento di Garo | 15 luglio 2010 | Rispondi

    • Garo ti ringrazio. Finche’ voce e sms rimarrano i principali generatori di fatturato ci sara’ poco da fare. Pero’ e’ anche vero che il fatturato della voce sta gia’ calando (in parte anche a causa del continuo abbassamento delle tariffe di terminazione da parte dell’Authority). E’ necessario che si trovino nuovi servizi che facciano restare i conti degli operatori in salute (ricordiamoci che non sono delle Onlus), altrimenti continueremo a pagare un SMS 15 cent! Pero’ non e’ vero che la competizione non esiste, anzi e’ feroce. Il problema e’ che si compete solo sul prezzo e niente altro, ma questo e’ quello che vuole il mercato in questo momento.

      Commento di tuttoqua | 16 luglio 2010 | Rispondi

  4. Dimenticavo. E che vogliamo dire del “decreto Pisanu” che obbliga alla autenticazione (documenti, login e password) per accedere alle reti pubbliche, a fini di antiterrorismo? Neppure a New York, dove credo che problematiche di questo tipo non scarseggino…

    Commento di Garo | 15 luglio 2010 | Rispondi

    • E’ una delle cagate piu’ incredibili della storia dell’umanita’… che altro posso dire?

      Commento di tuttoqua | 16 luglio 2010 | Rispondi

  5. concordo con il parere del dottordivago…… sulla rete si può fare tutto ma, quel pelo sul palato dopo che hai finito di fare quello che volevi fare, come fa ad arrivare?

    Commento di maurizio | 15 luglio 2010 | Rispondi

    • Mauri’, per quello c’e’ sempre “il vecchio sistema”… chi l’ha detto che il Web si deve sostituire proprio a tutto? Io, ad esempio, odio Facebook 😀

      Commento di tuttoqua | 16 luglio 2010 | Rispondi

  6. […] sguardo al futuro – parte 2 Il sondaggio e’ andato bene: praticamente tutti avete gradito il POST sulle Telecoms, e di questo vi […]

    Pingback di Uno sguardo al futuro – parte 2 « TuttoQua? | 16 luglio 2010 | Rispondi

  7. …e vogliamo parlare del costo per entrare in internet tramite il proprio gestore di telefonino (che tu conosci)? Una volta per sbaglio l’ho fatto e mi ha azzerato la scheda. Preferisco navigare in wi-fi, almeno non spendo una cifra. E non mi dire che la tecnologia costa..bla bla. In altri paesi costa molto di meno. Ti segnalo che ho navigato piacevolmente gratis in wi-fi nel paese di Roccarainola Na e intendo dare un plauso all’amministrazione comunale di questo piccolo paesino. Sul doppino e sulla fibra, sai come la penso, ma in questo caso noi ontiamo meno di niente.

    Commento di mimmo torrese | 14 agosto 2010 | Rispondi

    • Mimmo, all’estero l’accesso in banda larga su rete mobile costa come in Italia. Indubbiamente avere un hot spot WiFi gratis a portata di mano aiuta molto. Ma il WiFi ha limiti grossi, e volere costruire una vera copertura paragonabile a quella delle rete cellulare e’ praticamente impossibile. Per non parlare del fatto che una rete wifi, per rispettare criteri di sicurezza e di gestione di situazioni critiche (terremoti, incendi, blackout) richiederebbe investimenti enormi e altrettanti costi di gestione. In poche parole, e’ bello navigare gratis in mobilita’, ma questo se deve essere fatto bene e combattendo anche il digital divide, allora bisogna spendere soldi. E bisogna farlo di continuo, perché la tecnologia cambia di continuo e i clienti non sono mai soddisfatti della qualità, della velocità e della quantità della copertura. Anzi, i forum sono sempre e solompieni di gente che si lamenta, che vuole i 7 mb/s anche quando vive nel cuore dell’Appennino. Dulcis in fundo, adesso trovi delle buone offerte per navigare dal cellulare oppure con una chiavetta, e i costi scendono mese dopo mese.

      Commento di tuttoqua | 14 agosto 2010 | Rispondi


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: