TuttoQua?

L'umanita' sta regredendo

Trova le differenze

Dovete sapere che la mia carta d’identita’ e la mia patente di guida si trovavano entrambe in uno stato pietoso. La CI era finita in lavatrice, quindi si era divisa in due meta’ e lo spessore della carta sfiorava i due micron. La PdG, dopo 21 anni di onoratissimo servizio, bolli, controbolli, nastro adesivo, aggiornamenti della residenza, rinnovi decennali e permanenza in ogni tipo di portafogli era praticamente divenuta illegale.

Visto che e’ Agosto e che c’e’ poca gente in giro, ho deciso stamattina di rinnovare entrambe per deterioramento.

VIGNETTA 1 – Carta d’identita’:

Vado in Comune con nulla, se non lo stesso documento semidistrutto. Mi siedo, mi stampano un modulo senza che io debba proferire parola, mi sposto di due sedie a sinista e l’impiegato, complice un meraviglioso macchinario di cui ignoravo l’esistenza, in 15 minuti di orologio mi produce una nuova CI formato carta di credito, con tanto di chip, foto scattata dal dispositivo di cui sopra, prelievo dell’impronta digitale, firma acquisita allo scanner, ecc ecc… E non e’ tutto: mi rilascia anche un PIN grazie al quale potro’ accedere al Portale del Comune per ottenere autocertificazioni e robe simili. Costo dell’operazione 25 Euro e spiccioli. Tempo necessario, tutto compreso… mezz’ora!

VIGNETTA 2 – Patente di guida:

Vado in Motorizzazione, prendo il modulo da compilare, i bollettini di pagamento (due, su due C/C diversi con importi diversi, tutti da compilare tranne il destinatario delle gabelle) e un foglio A4 riassuntivo che mi elenca tutte le cose da fare:

  • Documento in corso di validita’ piu’ sua fotocopia (pure?! Ma fatevi le fotocopie da soli no?!);
  • Due fotografie formato tessera, di cui una autenticata dal notaio oppure dal Comune. Mi salvo perche’, presentando io stesso la domanda, posso essere autenticato direttamente dall’addetto allo sportello;
  • Copie dei versamenti;
  • Patente deteriorata;
  • Modulo compilato.

Quindi lascio la Motorizzazione, vado a fare le foto, compilo tutto, vado in Posta a pagare i bollettini, faccio la fotocopia del documento in cartoleria e, finalmente, torno alla Motorizzazione. Prendo il numero, aspetto, consegno tutto e mi rilasciano un permesso provvisorio di circolazione che vale 90 giorni. Entro tale termine devo tornare li’ (senza che arrivi alcuna notifica a casa) a ritirare la nuova Patente. Costo dell’operazione 41 Euro e rotti, piu’ il carburante per andare avanti e indre’. Tempo necessario: boh, diciamo almeno 2 ore.

Avete individuato le differenze tra le due vignette?

Annunci

10 agosto 2010 - Posted by | Aziende e dipendenti, Cose da ricordare, Quando uno non ha niente da fare... | , , ,

24 commenti »

  1. Ho letto in qualche aeroporto (mi sembra quello di Minorca) che la CI formato credit-card in alcuni stati non la accettano come documento valido… è vero? se così fosse, continuo a rinnovare ad oltranza quella che ho già…

    Commento di Ste | 10 agosto 2010 | Rispondi

    • Ste, questo non lo so. Ma io, nel dubbio, mi porto sempre il passaporto quando vado all’estero, anche all’interno della CE.

      Commento di tuttoqua | 10 agosto 2010 | Rispondi

      • Haha tu che ce l’hai il passaporto fai bene! Io invece che ne sono sprovvisto rimarrò con la mia cara vecchia CARTA d’identità (la maiuscola non è a caso 🙂 ), fino a quando non l’accetteranno in tutta la CE, o non sarò costretto a fare il passaporto… W l’innovazione! 😛

        Commento di Ste | 10 agosto 2010 | Rispondi

        • Ah beh… In India senza passaporto (e visto!) e’ dura 😉

          Commento di tuttoqua | 10 agosto 2010 | Rispondi

    • La questione è spinosa con la Croazia.
      Le prime CI in formato carta di credito circa 6 anni fa avevano validità 5 anni. Poi non so quale autorità ha deciso di prorogarne la validità a 10.
      Per le cartacee viene apposto un apposito timbro… ma su quelle plastiche il timbro viene male 🙂
      Quindi sloveni e croati ogni tanto rifiutano il transito a qualche malcapitato con la carta d’identità “scaduta” per tutti tranne che per lo stato italiano.

      Commento di misterpinna | 10 agosto 2010 | Rispondi

  2. dieci anni fa avevo la patente come la tua, deteriorata, ho colto l’occasione del rinnovo per passare al nuovo formato.
    Agenzia di pratiche automobilistiche, prenotazione visita medica da eserguirsi nell’agenzia, due firme e due banconote da centomila lire, ritiro il resto, mi sembra un ventino e vado a casa.
    due mesi dopo vado in agenzia, ritiro la patente nuova fiammante e ritorno a casa!
    mi è sembrata una cosa facilissima! molto probabilmente ho letto un altro fumetto!

    Commento di maurizio | 10 agosto 2010 | Rispondi

    • Sei andato in agenzia, quindi hanno fatto loro. Pero’ hai speso due bei bigliettoni 10 anni fa. Pro e Contro 😉

      Commento di tuttoqua | 10 agosto 2010 | Rispondi

      • si però era compresa la visita medica, l’aperitivo e la garanzia che, anche se cieco, avrei guidato lo stesso!

        Commento di maurizio | 10 agosto 2010 | Rispondi

        • Ah ecco! Mi pare un bel servizio allora 😀

          Commento di tuttoqua | 11 agosto 2010 | Rispondi

  3. Mi sembra osservare che l’Italia sia ancora in transizione dal XX al XXI secolo! Non tutta la macchina burocratica (e bizantina) e’ ancora stata svecchiata e computerizzata. TQ ti verra’ un colpo se leggessi che la Satyam di Hyderabad o la Infosys di Bangalore avessero vinto l’appalto per computerizzare i servizi alla motorizzazione 😉 he he he
    scherzo – non ne so nulla.

    Giusto per condividere un’esperienza europea, in Inghilterra passaporti e patenti si rinnovano via posta. Niente code, niente agenzie, niente cedolini scritti a mano all’ufficio postale. Sicuro una percentuale di utenti ha avuto intoppi (presumo raramente visto la quantita’ di passaporti che rilasciano)….ma, per la mia esperienza (con patente) e quella di figli e moglie con passaporti, tutto e’ sempre andato liscio…..ci arriveremo mai in Italia?!

    Commento di ain't that bad | 11 agosto 2010 | Rispondi

    • Risposta: no. Perche’ l’Italia e’ da un lato un paese di imbroglioncelli e quindi serve sempre che qualcuno controlli, e dall’altro e’ un paese di magna-magna, a partire dalla Pubblica Amministrazione, quindi non si possono eliminare migliaia di impiegati e perdere pure i soldi per mandare avanti la macchina a livello locale. Che tristezza…

      Commento di tuttoqua | 11 agosto 2010 | Rispondi

      • Concordo. Anche se la storia e’ un po simile a quella del servizio militare….almeno secondo me. Non si poteva eliminarlo, perche’ troppa gente lavorava con l’esercito (direttamente o indirettamente), indi ridurre numero reclute significava tagliare posti di lavoro e ridurre magna magna. Poi pero’ la chiamata obbligatoria e’ stata rimossa……c’e’ speranza forse anche per la motorizzazione allora 😉
        Boh – io mi tengo la patente inglese….che non scade fino ai 70 anni (ed ancora mi manca parecchio), e’ di plastica e vale in italia per quello che mi serve!!!!
        ciao
        ps vacanze te niente quest’anno?!

        Commento di ain't that bad | 11 agosto 2010 | Rispondi

        • Si si, partiamo sabato, andiamo… al Sud 😉

          Commento di tuttoqua | 11 agosto 2010 | Rispondi

    • a chillo paese mio, in quel del veneto, per rinnovare il passaporto basta andare in comune, il mercoledi successivo lo trovi rinnovato allo stesso sportello.

      Commento di maurizio | 11 agosto 2010 | Rispondi

      • Si, ma il rinnovo del passaporto e’ apparentemente piu’ semplice. E, almeno per quel che ne so io, se ne occupa comunque la Questura. Tu puoi portarlo presso un ufficio postale (si paga) oppure anche dai Carabinieri, ma viene sempre spedito in Questura. A meno che ultimamente l’iter non sia diventato piu’ snello, ma ne dubito.

        Commento di tuttoqua | 12 agosto 2010 | Rispondi

  4. Buono a sapersi, per la patente.
    La mia, dopo 32 anni (oh mama… 32 anni?) di vita ed un tuffo a Formentera con la patente nel costume, non va neanche più bene per pulire l’astina dell’olio.
    Ma mi sa che me la tengo.
    Grazie per la dritta.
    Dottordivago

    Commento di ilpandadevemorire | 11 agosto 2010 | Rispondi

    • Tienitela. L’importante e’ che si leggano i dati fondamentali. Nella mia non si leggevano piu’ il mio nome (!), il numero e la data di rilascio, che pero’ si leggevano ancora sull’adesivo dell’ultimo rinnovo decennale.

      Commento di tuttoqua | 11 agosto 2010 | Rispondi

      • al dottore sarebbe meglio toglierla la patente, la sua velocità di crociera e fissata in 220 km/h, il suo piede è talmente nervoso che la sua “trappola” consuma il doppio delle altre.
        però mi è simpatico quindi non voglio parlare male di lui e della sua guida……..

        Commento di maurizio | 11 agosto 2010 | Rispondi

        • Lascio a Carletto ogni eventuale commento 😀

          Commento di tuttoqua | 12 agosto 2010 | Rispondi

  5. non si può togliere il mio ultimo commento?
    non vorrei che Carletto, quando lo vedrò la prossima volta, mi faccia del male, sai non sopporto il dolore fisico e lui è tanto più grosso di me!!
    nel frattempo buone ferie, solo a te, perchè il Carletto lavora, lavora, lavora, lavora, lavora……….

    Commento di maurizio | 12 agosto 2010 | Rispondi

    • Togliere? Io non vedo l’ora che il ragazzone lo legga 😀 Io comunque vado in ferie sabato.

      Commento di tuttoqua | 12 agosto 2010 | Rispondi

  6. va bene non l’hai voluto togliere? accetto e subisco.
    ma devi sapere che se “il ragazzone” mi fa male tu sarai l’artefice del mio dolore, la mente che ha armato la mano dl killer, eppoi non va neanche ai 220, va ai 240, è per quasto che s’incazza, perchè limito le sue capacità di pilota!!
    in ferie non divertirti troppo, più ti diverti e più difficile sarà il ritorno!!
    ciao maurizio

    Commento di maurizio | 14 agosto 2010 | Rispondi

    • E vorrà’ dire che unirà’ l’utile al dilettevole e ti passera’ sopra con la macchina lanciato a 240 km/h 😀

      Commento di tuttoqua | 14 agosto 2010 | Rispondi

  7. la cosa allucinante che unisce entrambe le vignette è che in Italia nessun documento è disponibile nella versione in inglese, mentre nel resto d’europa se hai bisogno un certificato di nascita o di residenza te lo stampano nell’idioma locale o in inglese, a scelta. Non ti racconto quando devo confermare qualcosa con carta di identità per gli USA e l’indirizzo sulla carta è quello di 4 anni fa… allora vogliono una certificazione ulteriore che io sia io e viva proprio dove vivo… e gli mando il certificato di residenza di un comune sui colli bolognesi, rigorosamente in italiano… la preistoria!

    Commento di erbaviola | 20 agosto 2010 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: