TuttoQua?

L'umanita' sta regredendo

Post-gara Gran Premio di F1 d’Australia 2011

Ci siamo! A 4 mesi e mezzo di distanza dal disastro Ferrari di Abu Dhabi, e’ ripartito il Circus piu’ veloce del Mondo.

E come e’ ripartito? Cosi’ come era finito, anzi peggio. Ma prima di infilarci in questo oscuro tunnel, vorrei esordire citando Cesara Buonamici, conduttrice del TG5 di ieri sera (domenica):

“trionfo di Vettel ma anche trionfo della tecnologia italiana con le gomme Pirelli”.

Ehm… Cesara, le gomme sono le stesse per tutti. Chiunque vinca, la Pirelli vince sempre.

Andiamo bene…

Ma torniamo alla corsa. Evidentemente e’ presto per tirare conclusioni che abbiano un minimo di oggettivita’, ma alcune cosucce interessanti si sono gia’ viste.

Prima di tutto la RedBull e’ un mostro, e se lo era l’anno passato stavolta e’ pure peggio (o meglio, dipende dai punti di vista). Il tedeschino campione in carica ha dominato l’intero weekend, e ha vinto con una facilita’ disarmante.

E, NOTA BENE, la RedBull non ha nemmeno il KERS! Figuriamoci se l’avesse! Si, Webber non ha brillato come il compagno, arrivando quinto, ma sicuramente non e’ in palla come il tedesco e, soprattutto, ha pagato una strategia sbagliata (ha montato le gomme dure dopo il primo stint).

Ma se questa e’ la RedBull, allora in casa Ferrari, come pure altrove, c’e’ da essere fortemente preoccupati.

Ma anche la McLaren non scherza: e’ indietro, ma e’ senz’altro la migliore delle inseguitrici. Penoso, per il cuore dei ferraristi, dover assistere agli attacchi di Button a Massa in avvio di gran premio. Pur non essendo Button, come dire, un noto aggressore, riusciva ad insidiare il brasiliano con una facilita’ disarmante. E’ arrivato sesto, ma solo a causa del fatto di averlo superato tagliando una curva e di essere stato penalizzato con un drive-through, altrimenti di punti a Maranello ne sarebbero arrivati ancora meno.

E poi c’e’ la Lotus Renault, che se e’ riuscita a fare cassa con Petrov (che e’ buon pilota, intendiamoci!), chissa’ cosa avrebbe combinato con Kubica. A proposito: mi aspettavo una livrea emozionante in stile Lotus di Ayrton, ma il realta’, sara’ che le auto sono cambiate tanto, sara’ che i colori non mi sembrano esattamente gli stessi, ma l’immagine non suscita alcun ricordo piacevole. Per carita’, brutta non e’, ma non e’ la stessa cosa. Peccato…

La sintesi, dunque, e’ che la Ferrari non solo sembra indietro, ma appare ancora piu’ in difficolta’ di 12 mesi fa. Massa accusa le gomme, ma si sa che Massa deve sempre dare la colpa a qualcuno/qualcosa che non sia egli stesso. Peccato che fino a 5 minuti prima del Gran Premio avesse sempre tessuto le lodi delle coperture italiane.

Insomma, Filippino, lo vuoi capire che sei un pilota medio e niente di piu’? E’ una vita che lo diciamo, siamo tutti convinti, manchi solo tu. Dai, unisciti!

Discorso diverso con Alonso. A parte la strategia migliore, ma il manico c’e’ sempre, tolta la falsa partenza (da quinto a nono alla prima curva). Diciamo che puo’ succedere, diciamo che siamo alla prima gara, diciamo che c’e’ l’emozione, diciamo che le gomme erano fredde (valeva per tutti), diciamo tutto quello che vogliamo dire per concedere il beneficio dell’inventario, ma speriamo che lo spagnolo ci risparmi qualcuno degli errori che hanno sicuramente compromesso il titolo nel 2010.

Ma veniamo al tema scottante: la macchina. Dovendo giudicare dai tempi di Alonso nell’ultimo stint, verrebbe da dire che quando il serbatoio e’ leggero e le gomme sono (finalmente!) calde, la monoposto vada, e sia all’altezza dei primi.

Quindi, siamo sempre li’. La Ferrari non riesce a capitalizzare la fase di avvio, causa enorme, immensa, inaudita difficolta’ a mandare in temperatura le gomme. E quindi, altro che Pirelli, succedeva lo stesso con le Bridgestone! E questa e’ sicuramente la ragione per cui da quelle parti si soffre molto pure in qualifica, dove i giri sono pochi e bisogna mettere a terra tutto e subito. E’ chiaro allora che se parti male e ti ritrovi nel gruppo mentre quelli davanti ti danno 30 secondi in 15 giri, non ci sono manico e strategia che tengano!

Si tratta, dunque, di un problema cronico, che a Maranello non riescono proprio a risolvere. Saranno i flussi, sara’ l’assetto, sara’ la distribuzione dei pesi, sara’ tutto quello che ci viene in mente, ma io continuo a ritenere che il motore Ferrari sia sempre molto assetato, e che sia necessario partire con “qualche” chilo in piu’ di carburante, e che quindi la macchina sia mediamente piu’ pesante in avvio. Si vedra’… Sta di fatto che l’attitudine del management continua a non piacermi. A Maranello ci serve gente che guardi la concorrenza dall’alto in basso, non che tenga lo sguardo sempre a terra e che dica “stiamo lavorando… vedremo se avremo fatto un buon lavoro… siamo fiduciosi…”, salvo poi prenderselo in saccoccia e tornare a casa con la coda fra le gambe promettendo di lavorare di piu’. Va bene, ma non basta.

O fai come Todt che non diceva niente a nessuno e vinceva tutto, oppure fai come il Drake, che mandava tutti a cagare, che sfidava il Mondo a testa alta e che quando perdeva si dava per primo del coglione, salvo tornare subito a casa e fare un mazzo cosi’ a tutti. In provincia di Modena si sono vinti decine di titoli cosi’, e non e’ il caso di diventare dei molluschi tutto d’un tratto!

Ma riprendiamoci, e passiamo pure alla fesseria piu’ grossa del nuovo regolamento: il DRS.

Ovvero Drag Reduction System. Ricorderete come l’anno scorso molte scuderie si fossero attrezzate, strada facendo, per poter modificare alla bisogna il flusso d’aria sull’ala posteriore, in modo che questa, in alcune situazioni, stallasse generando meno deportanza sulla vettura e consentendo di guadagnare alcuni Km/h.

Quest’anno e’ diventata Legge, quindi e’ stato introdotto e regolamentato un dispositivo che il pilota puo’ controllare dall’abitacolo con un apposito pulsante. La pressione del quale solleva una parte dell’ala posteriore, riducendo la superficie dell’ala stessa, e quindi il “drag”, cioe’ l’effetto di frenata (che genera una spinta verso il basso). Eccovi un  bel disegnino che funziona meglio e piu’ di tante parole:

Peccato che:

  • Lo puo’ utilizzare solo il pilota che segue. Cioe’ chi sta dietro puo’ beneficiarne, chi sta davanti si fotte;
  • Il pilota che precede deve trovarsi a non piu’ di 1 secondo di distanza (hanno il radar?);
  • L’auto che segue deve trovarsi in una sezione della pista ben identificata e stabilita prima della gara;
  • Il DRS puo’ essere usato solo una volta al giro e mai nei primi 2 giri (non ci sono limitazioni durante le prove e le qualifiche);
  • il DRS, in caso di safety car, puo’ essere utilizzato solo dopo almeno due giri che la stessa sia rientrata ai box (e vabbe’, su questo…).

Insomma, e’ pur vero che si tratta di un sistema che dovrebbe favorire i sorpassi e quindi lo spettacolo, ma mi sembra una cosa molto stupida. Sia per il fatto stesso di esistere, perche’ si vuole ovviare all’aver costruito piste e definito regolamenti che ostacolano i sorpassi in ogni modo, sia per averlo regolamentato in modo cosi’ assurdo, e sia per aver dato al pilota un ulteriore elemento di distrazione durante una fase cosi’ cruciale e rischiosa.

Rispetto a quest’ultimo punto poi, gia’ m’immagino il pilota di turno che con una mano aziona il DRS, con l’altra il KERS, e con l’altra tiene lo sterzo e guida.

Buona stagione a tutti!

AGGIORNAMENTO: Massa da nono si piazza settimo, causa la squalifica di entrambe le Sauber (Perez settimo e Kobayashi ottavo) per irregolarita’ all’ala posteriore.

Advertisements

28 marzo 2011 - Posted by | formula 1 | , , , , , , , ,

14 commenti »

  1. ooooh, mi mancavano i tuoi post di commento sul campionato di F.1! 😀

    Innanzitutto bentrovato e noto con piacere che, come sempre, mi trovi d’accordissimo su tutto!!! Lattine volanti ancora più forti (anzi, solo una…mah) e Ferrari ancora nelle stesse difficoltà del 2010 😦 Secondo me però il problema di scaldare le gomme è un po’ generale, anzi sembra che solo la RedBull abbia trovato la quadratura del cerchio, infatti all’uscita dal primo pit stop, Vettel ha guadagnato una marea di secondi su Hamilton, prima che i 2 si stabilizzassero sugli stessi tempi… che al posto del KERS abbiano una qualche diavoleria???? Vedremo… intanto speriamo che la Malesia vada meglio, ma ho un bel po’ di dubbi… speriam di tenerci dietro almeno Petrov! Povera Ferrari…

    Ciao!_Ste

    Commento di Ste | 28 marzo 2011 | Rispondi

  2. Mantenendo le regole del DRS e per aumentarne l’efficacia, per la prossime gare è previsto l’HUS, Hands Up System: il pilota che precede deve attraversare la linea del traguardo con le mani in alto gridando «Guarda, Bernie… senza mani!…».
    Ma solo i giri dispari.
    Nei giri pari deve risolvere un rebus che gli espongono sul cartello dei box.

    Commento di Dottordivago | 28 marzo 2011 | Rispondi

    • AHAHAHAHAHAHAHHA!! Oddio…. adesso muoio!

      Commento di tuttoqua | 28 marzo 2011 | Rispondi

      • pero’ dotarle tutte di un bel clacson all’indiana? cosi possono strombazzare quando si sono rotte di stare incolonnate? 😉

        sorpreso che il commento no fosse arrivato dopo 5 min dalla fine del GP 😉
        Massa ha rincominciato dove aveva lasciato. Scarso. Scarso. Scarso.

        Commento di ain't that bad | 2 aprile 2011 | Rispondi

  3. Per favorire i piloti incontinenti: il conducente si può fermare, minzionare, e poi ripartire riprendendo la stessa posizione che aveva prima della sosta.
    Se riesci anche ad evacuare ti regalano il bonus di un giro……
    Regolamenti scritti con il culo pr ammazzare quel minimo di spettacolo rimasto!

    Commento di ilpiratablog | 28 marzo 2011 | Rispondi

    • Pare che stiano gia’ ricavando una nicchia sulla sinistra dell’abitacolo per alloggiare il rotolo di carta igienica 😀

      Commento di tuttoqua | 29 marzo 2011 | Rispondi

      • LO so, ma non si potrà gettare fuori dall’abitacolo il risultato dell’evacuazione perchè influirebbe sul peso della vettura.

        Commento di ilpiratablog | 30 marzo 2011 | Rispondi

  4. Certo che a parte bamboccio Vettel e il vuoto che ha fatto (io insisto… non è tutto sto manico e se non parte primo fa magre figurelle) si è vista una gara discretamente spettacolare: sarà che l’albert park non è quel cesso di abu dahbi ma a parità di condizioni con altre annate mi è sembrata una gara decisamente più interessante. Anche se si è capito che il flap dalla giurisprudenza complessa è fondamentalmente inutile, sembra che abbiano fatto qualche MINIMO passo in avanti verso l’antica spettacolarità… ma magari è merito delle autarchiche gomme che hanno un consumo più “giusto” rispetto alle bridgestone dei bambocci dell’anno scorso.

    Intanto, anche se off topic, segnalo l’IMMENSA spettacolarità e fisicità della superbike: Donnington è stata una goduria con continui capovolgimenti di fronte e sportellate in quantità… giustizia forse è fatta e l’ormai inutile Motogp con la decina di moto in partenza subirà il giusto castigo per aver tentato di scimmiottare la sbk rinnegando totalmente quello che era!

    Commento di Andrea | 29 marzo 2011 | Rispondi

    • Andrea, sono d’accordo. La SB e’ immensamente piu’ emozionante e spettacolare della MotoGP. E’ bellissimo vedere lo sforzo fisico dei piloti che devono dominare continuamente questi tori inferociti. Questo dimostra che usando mezzi di produzione di serie (o quasi) lo spettacolo e’ garantito, e non serve spendere milioni e milioni per produrre prototipi fini a se stessi.

      Commento di tuttoqua | 29 marzo 2011 | Rispondi

      • Una cosa, riguardo le moto, è divertente: un tempo avevamo le 500 2t, autentiche belve scorbutiche come poche (impossibile modulare l’acceleratore, tutta la potenza subito) e tutto sommato economiche nella loro ricercatezza tecnica (si parla sempre dell’equivalente su due ruote delle f1). A quel tempo c’era anche la sbk, sempre spettacolarissima e bella nel suo essere complementare alla 500.
        Poi decido che bisogna scimmiottare la sbk, visto che garantiva gare più spettacolari, e crearono la motogp che, per alcuni anni, garantì gare mostruose (ma ve lo ricordate quando derapavano!!). Poi, per l’incremento eccessivo delle prestazioni, hanno creato questa inutilissima 800: costosa e inutile ai fini della produzione, ha portato alla tragicomica conseguenza che sono rimasti 4 gatti. E cosa vogliono proporre per i prossimi anni??? MASSI motori derivati da quelli di serie!!!! RIDICOLI!

        La cosa ancora più divertente è l’incredibile scambio di piloti tra le due categorie con conseguente “similitudine” tra i due tipi di moto. Non sono mie considerazioni ma più di un addetto ai lavori ha notato da un lato le motogp che diventano superbike e i modelli stradali che diventano, col passare degli anni, sempre più moto da corsa con targa e fanali!

        Commento di Andrea | 29 marzo 2011 | Rispondi

    • Straquoto sulla spettacolarità della SBK, secondo me il VERO appassionato di moto dovrebbe seguire quella anzichè la MotoGP!!! inoltre si vedono correre moto molto più simili a quelle da strada, quindi andrebbe più sfruttata anche a livello commerciale, ma vabbè….
      Sull’ala mobile… il giudizio è sospeso a mio avviso! Melbourne è una pista “old style”, quindi molto spettacolare, ma senza grandi rettilinei… in Malesia secondo me se ne vedranno delle belle! 😀

      Commento di Ste | 29 marzo 2011 | Rispondi

  5. […] Hamilton abbiamo detto, di Massa non saprei cosa dire, ma voglio dire di Alonso. Quando scrissi della scorsa gara mi augurai che lo spagnolo ci potesse risparmiare qualcuno degli errori clamorosi che l’anno […]

    Pingback di Post-gara Gran Premio di F1 di Malesia 2011 « TuttoQua? | 11 aprile 2011 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: