TuttoQua?

L'umanita' sta regredendo

ερυσίπελας

Ho quella roba li’ che ho messo nel titolo.

In italiano si chiama Erisipela, ed e’ un’infezione cutanea causata da uno merdoso (e’ il caso di dire) streptococco beta-emolitico di gruppo A.

E dopo aver sciorinato tutto cio’ che so di questa schifezza, vi racconto il pellegrinaggio in Ospedale, per la precisione il Sant’Orsola-Malpighi di Bologna.

Siccome la merdaccia si e’ manifestata a Pasqua, sono andato ieri al Pronto Soccorso. Manco a dirlo, faccio l’accettazione, aspetto (non moltissimo a dire il vero) in mezzo a una pletora di magrebini e est-europei, con qualche accenno di pakistano. Ormai e’ cosi’: noi paghiamo le tasse e loro affollano i nostri ospedali in modo osceno. Noi paghiamo le tasse e noi facciamo le file anche (ma non solo) perche’ ce ne sono una quantita’ imbarazzante di questi qua.

Vabe’.

Mi mandano in ortopedia… nonostante io dica alla tizia dell’accettazione (si chiama cosi’ perche’ viene subito voglia di ammazzarla con l’accetta) che ho una cazzo d’infezione (Google docet).

“Eh ma sa… oggi e’ festa, in dermatologia non c’e’ nessuno, almeno la vede l’ortopedico”.

E’ giusto, per carita’, d’altronde questo e’ solo un Pronto Soccorso…

Vado dall’ortopedico con la migliore faccia da gnorri di cui la natura mi abbia dotato, lui guarda, e in 7 decimi di secondo dice: “ahhhh… ma questa e’ una ερυσίπελας! Perche’ l’hanno mandata qui, che posso fare io?”.

Mentre m’interrogo sul modo piu’ efficace di mandarlo affanculo, mi salva l’infermiera vecchia e esperta:

“eh dottore… oggi in dermatologia non c’e’ nessuno…”.

E lui: “si ma io come mi regolo?”. Brividi di terrore mi percorrono la spina dorsale… sono nelle mani di un inetto.

Mi salva ancora la vecchia: “richieda la consulenza del dermatologo cosi’ lui domani va direttamente da lui senza passare dal Pronto Soccorso e gli dia intanto l’antibiotico!”.

E lui: “e quale antibiotico? E se poi non e’ ερυσίπελας??”.

Dottore, e’ ερυσίπελας! Mi son messa gli occhiali apposta! Gli dia il %#%@#$$& due volte al giorno!”.

Vado via col referto, e mi presento stamattina alle 8:08 in Dermatologia.

NOTA: il parcheggio dell’ospedale si trova ad alcuni parsec di distanza, per questo viaggio con quegli 8 minuti di ritardo, che in un luogo come un pubblico ospedale che non assegna slot a nessuno ma segue la regola di chi prima arriva incula gli altri possono essere fatali.

E infatti…

Arrivo e la fottutissima infermiera, simpatica non tanto come un tappo da bibita nelle mutande ma come un calcio nel culo con i ramponi (!), prende i fogli in ordine sparso. Finalmente prende anche il mio, dopo circa un’ora di attesa. Mi manda a pagare il ticket, dove trovo il bradipo del Sant’Orsola, un esemplare tutt’altro che raro e tutt’altro che in via di estinzione, che per servire tre persone prima di me e poi il sottoscritto ci mezz’ora!

Insomma, dopo 90 minuti e passa, ho pagato il ticket!

Torno giu’ e trovo l’arpia che mi aspetta impaziente, come se fossi andato a farmi un cicchetto al bar per i cazzi miei:

“HA FATTO?!?!?!?!?”.

E la minchia… ecco qua. Mi strappa i fogli di mano, mentre manda affanculo una magrebina ustionata che ha la figlia piccola pure ustionata e non sa come cazzo portarla in dermatologia. Ma tanto non e’ un problema suo…e lo dice pure ad alta voce per assicurarsi che tutti gli astanti afferrino il concetto: “Eh mica possiamo risolvere tutti i problemi qua!”.

Tutti magari no, ma forse quelli che ti competono varrebbe la pena farci un pensierino ogni tanto.

Insomma, alle 11:00 piu’ o meno entro, e la dottoressina neo-laureata gia’ mi vuole far togliere i pantaloni. E che cazzo, senza nemmeno invitarmi a prendere un caffe???

Dottoressa, guardi che la zona malata e’ sullo stinco, basta che mi tiri su una gamba dei pantaloni e tiri giu’ il calzino!.

“Eh, ma sa, noi guardiamo la pelle…”.

Si, la pelle.

Esco quasi a mezzogiorno, con la diagnosi dell’ortopedico (o meglio della vecchia) confermata, devo continuare a prendere l’antibiotico prescritto (sempre dalla vecchia) e stare a riposo per 5 gg. Se consideriamo che di questi 5 gg, oggi ero in ferie, venerdi di nuovo in ferie e poi c’e’ sabato e domenica, ho avuto il solito culo.

Chiudo con una chicca. Nella sala d’attesa c’erano alcuni monitor di quelli che lavorano su circuiti interni e che dovrebbero riportare messaggi di servizio piuttosto che altre informazioni tipo meteo e roba simile.

Ecco una foto, ingrandite (cliccandoci su) e guardate la data in alto a destra. Notate nulla?

Annunci

26 aprile 2011 - Posted by | Aziende e dipendenti, Bestialita', Cose da ricordare, Pericoli vari e disservizi | , ,

15 commenti »

  1. 30 dicembre, il mio compleanno!!! 😀 Rido per non piangere… e dire che vista da fuori e a sentire i racconti degli amici che ci hanno provato, la laurea in medicina è super selettiva!!! Non capisco come possano esserci certi medici incompetenti… forse una volta raggiunta la laurea scatta il meccanismo tipicamente italiota del “meno ne faccio-più son furbo” 😦

    Commento di Ste | 27 aprile 2011 | Rispondi

    • Ah,postilla… mi fosse mai capitata a me la infermierina neo-laureata! 😀

      Commento di Ste | 27 aprile 2011 | Rispondi

      • Era una dottoressina 🙂

        Commento di tuttoqua | 27 aprile 2011 | Rispondi

        • Prrrrrrrrrrrrrr!! 😀

          Commento di Ste | 28 aprile 2011 | Rispondi

          • AHAHAHAHAH!

            Commento di tuttoqua | 28 aprile 2011

  2. Scusami, ma tu vai al Pronto soccorso per un “merdoso” virus gastrointestinale? Ti immagini cosa succederebbe se tutte le persone eccessivamente patosensibili intasassero il Pronto Soccorso per sciocchezzuole del genere?
    Oddio, c’è anche chi considera un raffreddore un motivo realistico per una convalescenza domicialiare di una settimana…

    Commento di Ugo | 28 aprile 2011 | Rispondi

  3. Mea culpa: l’Erisipela è effettivamente un buon motivo per andare al PS 🙂

    Commento di Ugo | 28 aprile 2011 | Rispondi

    • Ugo meno male che ti sei corretto, stava gia’ partendo un vaffa 😀

      Commento di tuttoqua | 28 aprile 2011 | Rispondi

  4. Almeno avevi giocato la schedina?
    hai vinto?
    noooo e allora che cazzo ci vai a fare in ospedale?
    Pensa se dichiaravi le emoroidi ti mandavano in ortopedia e ti ingessavano il culo.
    vedo e leggo che sei riuscito a portare a casa la pelle, è già un successo.

    Commento di ilpiratablog | 29 aprile 2011 | Rispondi

  5. T’ vogli’ bbene…

    Commento di Dottordivago | 30 aprile 2011 | Rispondi

  6. Non c’entra la classe medica: ti sei imbattuto in un gorgo denominato ” la burocrazia al servizio del servizio pubblico ” con in più il fenomeno ” dottoressa “.
    Ce n’è di brave, anzi bravissime, ma ce n’è che hanno fatto gli esami raccomandate, come peraltro molti, troppi dottori, ce n’è che sono state avvantaggiate perchè sono belle ed i prof sono\erano in prevalenza maschi.
    Sarà anche naturale, succederà anche altrove, ma quando vedete uno\a bello\a non siate mai sicuri della difficoltà del suo percorso educativo.
    Nel mio piccolo, e non sono adone, 33 esami, di cui 6 con docenti donne e 6 volte 30; negli altri… alla fine media 27.
    Uno statistico ci potrebbe dire se è un caso, ma io so che non lo è.
    Fra parentesi negli ultimi 20 anni di numero chiuso sento parlare di 80% di iscritti a medicina di sesso femminile; forse sono più intelligenti e preparate, forse sono più brave, certo sono più belle, ma io che sono un medico, se non conosco di persona, preferisco farmi visitare da un maschio, laureato dove dico io, e pure brutto.
    Non crocifiggetemi per favore.

    Commento di giorgio | 2 maggio 2011 | Rispondi

    • Io sono abbastanza d’accordo, altro che crocifiggerti! Sta diventanto sempre più’ un fenomeno preoccupante.

      Commento di tuttoqua | 2 maggio 2011 | Rispondi

  7. se proprio devo essere curato preferisco quel dottore che ha un blog, come si chiama, uhm uhm, aspettate adesso mi viene, un momento di pazienza…..ecco si dottordivago, non sarà un luminare ma almeno muoio ridendo!

    Commento di ilpiratablog | 5 maggio 2011 | Rispondi

  8. l’erisipela è una brutta bestia, mi è venuta a una gamba per una ferita accidentale profonda con un pezzo di ferro appuntito, dopo 8 mesi e tre antibiotici sbagliati da tre medici, che mi hanno peggiorato l’infezione fortificando il batterio, che ora è più duro a morire di prima, pare che ora il 4to antibiotico (mix chemioterapico battericida) funziona: 16 gg di cura da ko. è uno stafilococco aureo super corazzato, e non è manco detto che basteranno 16 gg per ammazzarlo completamente.

    Commento di Alessandra | 15 aprile 2012 | Rispondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: