TuttoQua?

L'umanita' sta regredendo

Post-gara Gran Premio di F1 d’Europa 2012

Alzi la mano chi avrebbe mai scommesso su un esito del genere?

Per chi se lo fosse perso, la sintesi estrema della gara e’ questa: Fernando Alonso e’ partito undicesimo e ha vinto!

Come diavolo ha fatto? Andiamo con ordine.

Le qualifiche del sabato sono state amarissime per la Ferrari, con Alonso e Massa che non sono riusciti ad accedere al Q3, causa problemi a sfruttare a dovere le gomme. Per contro, Vettel e Hamilton si sono piazzati in prima fila, pronti a giocarsi l’alloro e dividersi un bel bottino di punti alla faccia della Ferrari.

Ma il caso, e non solo, c’ha messo lo zampino. Certo e’ che Valencia e’ un circuito cittadino difficile e pieno di muri, dove partire dietro implica andare incontro a sconfitta certa, o quasi…

Eh gia’! Perche’, se Alonso ha guidato in modo impeccabile, al limite della perfezione, e se la Ferrari, per una volta, ha confezionato una strategia pressoche’ perfetta (o quantomeno la migliore possibile), c’e’ voluta necessariamente un po’ di fortuna. A scapito sia di Vettel, il cui alternatore l’ha abbandonato al giro 34, sia di Grosjean, il cui alternatore l’ha lasciato a piedi al giro 40 e sia di Hamilton, che ha voluto giocare all’autoscontro a un giro dalla conclusione.

Due note: la prima riguarda il propulsore Renault, che equipaggia RedBull e Lotus, un propulsore che, evidentemente, fornisce la sua massima prestazione proprio in climi caldi. Curioso che si sia rotto l’alternatore di Vettel e Grosjean, e per giunta nell’arco di 6 giri… Probabile che il costruttore francese fara’ un mazzo tanto al fornitore dell’aggeggio oppure al progettista di turno. Emblematica l’immagine di Adrian Newey con la testa tra le mani, come a dire “proprio adesso che ho trovato la configurazione giusta e la macchina vola, si scassa una minchiata del genere?”.

La seconda e’ per Hamilton che, come al solito, merita un discorso a parte: ma e’ possibile che costui, quando gli parte la valvola (spesso) non riesca proprio a controllarsi? Aveva le gomme chiaramente finite, non c’era alcun modo di resistere agli attacchi di Maldonado, c’era bisogno di chiuderlo in quel modo, candidandosi certamente al titolo di imbecille del decennio? E’ veloce, non c’e’ dubbio, ma cosi’ distrugge tutto, sia il lavoro degli altri e sia la sua reputazione. A parziale discolpa va precisato che i suoi meccanici non riescono proprio a fargli un pit stop esente da errori, visto che ieri gli hanno fatto perdere almeno una decina di secondi. Si potrebbe dire che la gara l’abbia persa ai box e non per colpa sua, ma visto che era leader del mondiale, poteva farsi due conti e prendere punti buoni, invece di chiudere la gara contro il guardrail e penalizzare anche Maldonado. Un vero cretino!

Insomma, visto tutto cio’, il buon Fernando ha pensato bene di capitalizzare le sfighe altrui e, grazie alla sua superba condotta di gara, si e’ portato a casa 25 punti preziosissimi, vista anche la situazione dei diretti concorrenti. Il trionfo di ieri, perche’ di trionfo si tratta, gli ha fruttato il primo posto in classifica con 10 punti di vantaggio su Webber, che ieri e’ andato male, e 14 proprio su Hamilton che ieri e’ andato a muro, come abbiamo appena visto.

Peccato che la classifica costruttori non sia alrettanto rosea: infatti, la Ferrari dista ben 54 punti dalla vetta, che continua ad essere saldamente in mano alla RedBull. Come mai? Perche’ Massa, nonostante la monoposto sia decisamente migliorata, continua a non portare a casa nulla. Si, e’ partito bene, ma visto che partiva due posizioni dietro Alonso, come mai non e’ arrivato sul podio? Perche’ ha sbattuto, ovvio. Non e’ stata colpa sua? Puo’ darsi, ma ai morsetti il risultato rimane lo stesso. E’ un po’ come Liuzzi, che volente o nolente, si trovava sempre in mezzo alle mazzate. Non dico altro.

Chi e’ finito invece sul podio? Il buon Raikkonen e, udite udite, il Kaiser germanico! Che si e’ ritrovato, a due anni dal rientro, a sollevare nuovamente un trofeo. Notevole, e anche qui, dubito che qualcuno avrebbe puntato un euro su di lui.

Tre campioni del mondo sotto le bandiere, dunque. Che non significhi che, in Spagna, abbia trionfato il connubio perfetto tra manico e esperienza?

Vi lascio con questo atavico dubbio.

Commento gara precedente: Gran Premio del Canada.

25 giugno 2012 - Posted by | formula 1 | , , , , , , , ,

7 commenti »

  1. aggiungerei alla tua analisi che abbiamo assistito a una delle gare più belle di ogni tempo (sorpassi, incidenti, muretti, macchine in panne), indipendentemente dalla prestazione di Fernando, grazie a una serie di incredibili di sorpassi ai limiti della sportellata (quelle le mette hamilton) e alla spettacolare vista di gente in delirio con Fernando che, vaffanculo, toglie dalle palle tutta quella retorica da podio e comincia a fare casino coi commissari. Uno show improvvisato degno del valentino dei bei tempi: parcheggia la ferrari in doppia fila e torna con la bandiera (una cosa bellissima, molto anni 80/90) nella medical car. Epic Win.

    Alla faccia di quelli che si godono i 0 a 0 calcistici e poi dicono “no ma la f1 è noiosa, nessuno sorpassa”

    Ah e la vista del Kaiser sul podio e la sua genuina gioia mi ha commosso più della vittoria di Alonso

    Commento di Andrea | 25 giugno 2012 | Rispondi

    • Sono d’accordo, gara molto bella ed emozionante.

      Commento di tuttoqua | 25 giugno 2012 | Rispondi

  2. Che goduria!!! questa gara me la ricorderò per un bel pò. Detto questo direi che bisogna anche guardare in faccia la realtà che ci dice che Vettel sotto al culo ha una macchina più veloce delle altre almeno di 7 o 8 decimi direi, come ha dimostrato nei primi venti giri della gara di ieri. Sarà dura combattere con lui fino alla fine. Ritengo Vettel l’avvversario numero uno per Alonso. Hamilton è si veloce, ha una macchina competitiva, ma non ci stà con la testa. Per lui vale quanto detto da Coultard nei confronti di Montoya: vede l’albero ma non la foresta. Anche se poi la Fia ha penalizzato Maldonado ritengo che la colpa sia tutta sua. Infine volevo spezzare una lancia a favore di Massa. Non è più il Massa di una volta ma ieri l’ho visto più combattivo soprattutto nei primi giri. E’ arrivato 16esimo ma è entrato 4 volte ai box, ha avuto un contatto con Kobayasci, al secondo pit gli montano una gomma soft sull’anteriore sinistra e le altre dure, viene penalizzato dall’ingresso del sc. Ah dimenticavo, i punti di vantaggio su Webber sono 20, 23 su Hamilton e 26 su Vettel, tanto per aumentare ancora di più la goduria.
    Alla prox.

    Commento di Zioflip | 25 giugno 2012 | Rispondi

  3. Gara di Alonso fantastica. Culo enorme in molti frangenti, ma quando c’è stato da spingere lo ha fatto alla grande, e quando doveva gestire le gomme altrettanto. Massa, leggevo durante la settimana fare proclami di poter essere il 7o vincitore…de che? La coppa del nonno?! La Ferrari sicuramente non era la più veloce, ma non andava male. Lui ha avuto sfortuna, ok. Ma vederlo arrancare contro una Caterham, e fare quegli attacchi timidi di sorpasso senza portarli a termine, faceva decisamente pena. Non ha scusanti. Sta scaldando il posto per qualcun altro….ma chi?! TQ il tuo toto pronostico?

    Commento di ain't that bad | 25 giugno 2012 | Rispondi

  4. non ho visto la gara, non ho letto il tuo resoconto, c’è qualcosa che non funziona in me, devo avere la centralina che funziona come quella di massa!

    Commento di Maurizio | 5 luglio 2012 | Rispondi


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: