TuttoQua?

L'umanita' sta regredendo

Post-gara Gran Premio di F1 di Germania 2012

Avendo colpevolmente saltato Silverstone, causa ferie e impossibilita’ di vedere la corsa in TV (grrrr), rieccomi con le impressioni del dopo gara teutonico.

Che dire? La Ferrari adesso va, ma il problema di stabilire dove termina la performance della monoposto e dove inizia il manico di Fernando Alonso permane.

Certo, Massa ieri ha fatto un’altro dei suoi disastri, ampiamente preannunciato dal non essere nemmeno riuscito a superare il Q2 sabato, pero’ ormai utilizzare Massa come prova del nove inizia ad essere improponibile. Nel connubio uomo-macchina, ormai Massa pesa troppo, e quindi le sue performance decisamente negative creano grossi dubbi sulla possibilita’ di commentare in modo oggettivo la bonta’ del pacchetto tecnico. Non vorrei accanirmi… ma chi ha subito tritato il muso al via? Mi ricorda il peggior Liuzzi, ma mi fermo qui per non sparare sulla Croce Rossa.

Resta Alonso. Ma Alonso, almeno in questo momento della sua carriera, e con una macchina decisamente in palla, e’ troppo. Troppo per tutti, perche’ ha raggiunto una situazione di forma fisica e mentale, nonche’ di capacita’ di visione complessiva delle gare e del mondiale nella loro interezza, che ricordano il manico del miglior Schumacher e la materia grigia del miglior Prost.

E cosi’, prima Vettel e poi Button si sono dovuti piegare alla performance della Rossa ma, soprattutto, alla capacita’ di Alonso di collegare il cervello al piede destro. Era evidente, infatti, che facesse un po’ di tira e molla per tenere sempre quella distanza minima tra se’ e gli inseguitori, in modo da restare in testa senza distruggere gli pneumatici. Si, forse quando ha montato le dure per la prima volta ha avuto qualche dubbio pure lui, ma col passare dei giri le cose sono tornate normali e la bandiera a scacchi e’ arrivata intatta sotto il Cavallino, non senza qualche patema alle coronarie del sottoscritto. A giochi conclusi e’ stato, inoltre, un piacere vedere Vettel giustamente penalizzato per quel sorpasso irregolare ai danni di Button piazzato con quattro ruote oltre la riga bianca!

Ma veniamo a Lewis Hamilton. OK Lewis, in qualifica hai fatto piangere, ma sull’asciutto la macchina ce l’hai bella tosta. OK parti dietro e sfrantechi uno pneumatico. Gara compromessa, spero tu te ne sia reso conto! Eppure, quando i primi ti doppiano decidi, cosi’ all’improvviso, che vuoi correre per conquistare qualcosa che sfugge al resto della popolazione mondiale. Prima ri-superi Vettel che, per poco, non gli viene un coccolone, e poi ti metti alle calcagna di Alonso. Il quale, dal canto suo e conoscendoti, non sa bene se lasciarti passare per evitare guai oppure tenerti li’ dietro per avere protezione da Vettel. Ma la domanda che ti porgo, caro Lewis e’:

PERCHE’???

Cosa volevi fare, spruzzare un po’ di negro testosterone sulla pista, per far vedere a tutti che ce l’hai piu’ grosso? Volevi la rivincita? Volevi dimostrare che se non ti fossi qualificato come uno scemo e se non avessi macellato la gomma avresti potuto anche vincere? Oppure volevi andare davanti per rallentare Alonso e favorire Button?

Comunque la mettiamo, sei quantomeno scorretto e non sai perdere, e forse sei anche un po’ idiota. Quando ti cacciano?

Torniamo alle note liete, che vedono Alonso in vetta alla classifica piloti con 32 punti di vantaggio su Webber e 42 su Vettel. Nella classifica costruttori la scalata e’ ancora lunga, visto che la RedBull esibisce ancora una dote di ben 53 punti di vantaggio sul Cavallino, ma chissa’ che nelle prossime gare non si possa fare qualcosa anche qui. Certo che se si potesse contare anche su Massa i giochi sarebbero gia’ diversi…

Buona anche la gara di Raikkonen, che sale sul podio (ma solo dopo la retrocessione di Vettel). Raikkonen sembra svegliarsi sempre a meta’ gara, quando spesso e’ tardi per fare qualcosa di eccezionale. Chissa’ perche’.

Le Mercedes in gara continuano ad arrancare, nonostante la zampata piazzata dal vecchio Kaiser sull’acqua di sabato. Settimo lui e decimo Rosberg non c’e’ da stappare nemmeno una gazzosa. A onor del vero va precisato che Rosberg partiva 17-esimo, quindi in quest’ottica e’ andato pure bene portandosi a casa un punto.

Chi avra’ stappato invece sono sicuramente quelli della Sauber che, di questi tempi, si ritrovano un vero gioiellino tra le mani e sotto il sedere, e due ottimi piloti che si sono portati a casa il quarto (Kobayashi) e sesto (Perez) posto. Visto che il loro obiettivo dichiarato e’ quello di mettere dietro tutti i team di secondo piano, devo far loro i complimenti. Unico neo resta quel DG indiano (indiana per la precisione), ma ognuno ha le sue croci. In Ferrari hanno Massa e Domenicali, che devono dire loro allora??

Webber ha messo insieme un’altra gara opaca delle sue, meno male che, stavolta, almeno Button c’era, e speriamo che continui ad esserci, anche alla luce dei recenti sviluppi aerodinamici e meccanici (buoni evidentemente) introdotti dalla McLaren in Germania. L’unico problema sono quegli 86 punti di distacco da Alonso, che fanno 3 primi posti e mezzo, ma il Mondiale e’ lungo, quindi e’ bene che chi sta davanti resti concentrato e chi sta dietro resti determinato.

Speriamo, dunque, che si possa assistere a un’altra grande gara in Ungheria, la prossima settimana, anche se li’ chi parte davanti di solito vince. E siccome Alonso ha fatto due pole su due negli ultimi Gran Premi…

Commento gara precedente: Gran Premio di Gran Bretagna (non disponibile).

23 luglio 2012 - Posted by | formula 1 | , , , , , , ,

4 commenti »

  1. Alonso ci sta secondo mettendo tantissimo ma, direi di non farci illusioni, le pole derivano dall’aiuto di Zeus senza le quali non dico i piazzamenti ma la vittoria tedesca sarebbe stata molto difficile.

    La cosa importante è andare a punti, sempre, senza commettere errori clamorosi (quaalche errorino ci puo stare) poichè tutto sommato la situazione è favorevole. Vincono tutti, ora vanno le redbull ora va hamilton (quando arriva alla fne…) ora va nuovamente button… alonso più o meno va sempre e infatti è primo.

    La cosa positiva è la ferrari che incredibile dictu migliora, magari non come le altre, col tempo e, cosa ancora più incredibile, non hanno cominciato a dire “stiamo sviluppando la f1 2015 che avrà 4 motori come un 747”

    per il resto:

    button gradito ritorno

    questione hamilton: per me nonostante tutto ha il diritto di sdoppiarsi quindi non la vedo trtoppo scorretta la sua manovra…. Alonso che come hai detto ha una visione globale senza precedenti probabilmente ha fatto due conti e deciso che riusciva a gestirlo, in caso contrario avrebbe detto “negro folle, passa pure tu e le tue crisi isteriche”

    Questione newey-redbull : mi sta un pò seccando la cosa; capisco il cercare nuove soluzioni ma ritengo che uno non possa inserire una lama rotante frontale, ad esempio, solo perchè il regolamento non proibisce l’uso di lame rotanti offensive. La federazione dovrebbe essere più decisa (considerando anche il fatto che le magagne arrivano sempre e solo da una sola squadra) e dire “ah adrian e ci hai rotto il cazzo”

    Questione Ferrari necessita di un altro pilota: ce ne sono a bizzeffe, forti come non mai, sarebbe per me da pazzi puntare su webber che, nonstante sia una brava persona, è un pilota finito e senza spirito guerriero … ulkenberg…rosberg (che non credo accetterebbe un posto da subordinato)…si è parlato di quel gran signore di button (una delle migliori scelte) ma il mio cuore dice sempre e solo un nome:

    Kamui Kobayashi

    Mi ispira simpatia, ha dimostrato di avere un’indole guerriera non isterica (come alonso del resto, vero alfiere di questa caratteristica) e soprattutto una maturità sconfinata nella gestione del mezzo e delle gomme.

    Cioè questo rischia il sedile e poi gente come kartikeian e Grosjean (ahahhahaha) guidano un f1?

    Commento di andrea | 25 luglio 2012 | Rispondi

    • Concordo Andrea, e poi mancano ancora una montagna e mezza di GP, quindi meglio restare ancorati alla realta’.

      Commento di tuttoqua | 25 luglio 2012 | Rispondi

    • Aggiungo che il samurai piace tanto anche a me. E anche Di Resta mi piace: da quanto non si vede un britannico al volante di una Ferrari? Da Irvine, ma quello non era un pilota, diciamo che l’ultimo e’ stato un certo Nigel…

      Commento di tuttoqua | 25 luglio 2012 | Rispondi

  2. […] gara precedente: Gran Premio di Germania. Vota:Condividi:Like this:Mi piaceBe the first to like […]

    Pingback di Post-gara Gran Premio di F1 di Ungheria 2012 « TuttoQua? | 30 luglio 2012 | Rispondi


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: