TuttoQua?

L'umanita' sta regredendo

Post-gara Gran Premio di F1 di Ungheria 2012

Che sia un Mondiale molto equilibrato l’abbiamo capito. Che le scuderie di punta abbiano qualche svarione, salvo poi tornare in auge la gara dopo, pure l’abbiamo afferrato. Che la Pirelli sia ormai persa nei meandri della sua stessa tecnologia, a tal punto da portare in pista delle vere e proprie incognite ricoperte di gomma vulcanizzata, e’ ormai assodato.

E allora, di che vogliamo parlare stavolta?

Del fatto che la Ferrari si e’ persa in tutto il weekend e che, inspiegabilmente, si e’ ritrovata con la carretta di un paio di mesi fa? Capirai la novita’. Del fatto che quando Hamilton parte davanti e’ difficile acchiapparlo? O piuttosto di una Mercedes che e’ decisamente annegata nel suo stesso grigiore, e delle scuderia minori che, gara dopo gara, corrono per il loro modestissimo campionato dei poveri che non serve a nessuno? E perche’ non accennare al fatto che Webber non ne sta ingranando una o che Button sembra essersi abbastanza ripreso dalla sua crisi interiore, ma che comunque non riesce a ritrovare la sua ormai celebre zampata?

Tutta fuffa. Io credo che il vero fattore dominante di questa gara sia stato il circuito di Budapest, e la domanda nasce spontanea: ma che senso ha correre in una pista del genere? Passi Monaco, dove li’ conta lo spettacolo, il glamour, le barche dei miliardari e le piscine pensili in stile giardini di Babilonia, con le strafighe dentro mezze nude che sorseggiano champagne.

Ma questo Hungaroring? Cosa c’e’, nel Gran Premio di Ungheria che dovrebbe attirare me spettatore e/o me investitore? Un bel niente, questa e’ la risposta! E, infatti, ieri abbiamo assistito alla corsa piu’ noiosa della stagione iridata, una roba da sonno profondo, dove nemmeno il DRS e’ riuscito a smuovere una foglia. Avete provato ad osservare la velocita’ del pilota in scia con il DRS aperto? Inutile, una vera schifezza!

Certo, poi magari in casa Ferrari sono pure contenti, perche’ con la performance di ieri, se qualcuno fosse riuscito solo ad immaginare di provare un sorpasso, Alonso avrebbe racimolato ancora meno di un anonimo sesto posto a quasi 27 secondi dal leader. Ma si sa, pare che quest’anno la Rossa vada meglio sulle piste veloci, o almeno cosi’ dicono quelli che ci lavorano intorno e dentro, ma e’ anche vero che la monoposto difetta di velocita’ di punta, chiaro sintomo della ricerca ossessiva di carico aerodinamico. E allora? Boh! Adesso arrivano 2 gare tutte manico e motore, e cioe’ Belgio e Italia. Staremo a vedere, intanto a Maranello si possono godere la testa del mondiale piloti con una certa serenita’, non solo grazie alle recenti imprese del pilota delle Asturie e ad una inequivocabile crescita del pacchetto tecnico, ma anche, e forse soprattutto, grazie al fatto che gli altri contendenti continuano ad alternarsi sul podio.

Indubbiamente, proseguendo di questo passo, e’ assai probabile che Fernando Alonso si possa cingere dell’alloro, casomai il problema resta quello del campionato costruttori, perche’ i punti di distanza dalla RedBull sono diventati 63. Non tantissimi, ma senza il contributo di Massa (che ieri ha racimolato 2 miseri punti) la sfida e’ dura come una lastra di adamantio (se volete documentarvi su questo metallo, cercate Wolverine su Wikipedia).

Ieri, Vettel e Webber hanno portato a casa 16 punti, Alonso e Massa 10. Vedete?

E il problema vero e’ che la Ferrari, che e’ costruttore di supercar mitologiche ancora prima di essere un marchio noto per le sue imprese sportive, non si puo’ e non si deve permettere di investire centinaia di milioni per mettere un uomo in condizioni di svettare sugli altri! Si, fa piacere vincere il titolo piloti, ma a Maranello si corre per l’affermazione del cavallino nero su fondo giallo, il resto e’ irrilevante. Questa era la filosofia di Enzo Ferrari, questa deve essere la strategia di un’azienda che compete nel 21esimo secolo, e questo e’ il desiderio ardente dei tifosi, punto e accapo!

E come si fa? Semplice, si manda via il pilota che non rende. Ma non e’ un fatto personale: il pilota e’ un impiegato di lusso che prende i soldi che prende che portare in alto lo stemma che campeggia al centro del suo volante. Poi, se resta tempo anche per la gloria personale, allora tanto meglio.

Massa doveva andarsene mesi fa, e invece e’ ancora li’, ed e’ gia’ forse troppo tardi silurarlo adesso, ma meglio tardi che mai.

Per cui l’unica cosa degna di nota in questo POST, che diviene una vera invocazione, e’ questa: sostituite Felipe Massa, adesso! Con un pilota motivato, possibilmente non latino, che abbia dimostrato velocita’, passione e capacita’ di messa a punto. Costui non puo’ e non deve essere qualcuno del vivaio, tipo Jules Bianchi (perche’ si puo’ anche lasciare che siano i team minori ad investire sui giovani e farli scafare per bene), e nemmeno un Perez o un Maldonado perche’ vi fareste molto male.

A questo punto io oso, e anche per dimostrare che perfino io posso cambiare idea e opinione oltre ogni aspettativa, faccio il tifo pubblicamente per Jenson Button. Sono certo che togliendolo da Woking e mettendogli un volante “rosso” in mano, possa fare ancora di piu’ di quanto gia’ dimostrato in questi anni.

Ora, Domenicali & C. fate voi, ma fate!

Commento gara precedente: Gran Premio di Germania.

30 luglio 2012 - Posted by | formula 1 | , , , ,

5 commenti »

  1. A Montecarlo hai dimenticato di aggiungere I MURETTI (veri creatori di spettacolo safety car a parte)

    Concordo sull’inutilità estrema dell’hungaroring, ma se pensi che ad abu dabi sul “bellissimo” circuito parcheggio centro commerciale si vedono le stesse gare…

    Concordo su Button in Ferrari, al di là di momenti di crisi o genialità rimane un signore

    Per quanto riguarda la gara, Alonso, complice circuito e semplicemente culo, ha fatto una gara tutto sommato strepitosa viste le condizioni della ferrari e indubbiamente le due rinate lotus hanno aggiunto positività tenendo lontano vettel (che considero ancora l’avversario principale) dalle prime posizioni

    Non concordo su Hamilton: su un circuito normale Kimi l’avrebbe superato suonando il clacson (e poi…a quando una vittoria del grande kimi?)
    Effettivasmente le lotus adesso hanno il potenziale per viuncere qualche gara, con sommo gaudio nel caso di alonso che, ripetiamolo, sta facendo un lavoro certosino assai su quella mezza carretta

    Vorrei aggiunere due parole sullo “stile” redbull:

    Scarichi soffiati, coppia motrice atta alla deportanza, chiavini vari, regolatori “a dita”… e che due palle

    Io le farei diventare entrambe la doppio zero di dick dastardly ( i colori quasi ci sono): non è possibile che spunta a ogni gara una nuova magagna, sintomo di una mentalità criminosa di fondo che rende assolutamente marcia la scuderia e quel viscido Chris Horner. Non si è nuovi a gare vinte nei tribunali ma nemmeno la Mclaren dei tempi migliori-spystory le tentava tutte in maniera così spacciata (assecondando sempre la filosofia “il regolamento non dice che l’auto non possa essere dotata di mitragliatore) Capisco la ricerca quando finalizzata all’idea geniale, non quando sfida apertamente i regolamenti in maniera così arrogante e talvolta dilletantesca.
    CAFONI

    Commento di Andrea | 30 luglio 2012 | Rispondi

    • Si Andrea, Kimi effettivamente ieri aveva i numeri per vincere, pero’ con Hamilton davanti in una pista che non e’ l’Hungaroring, avremmo avuto le stesse condizioni? Tra l’altro, la Lotus sembra andare particolarmente forte in condizioni di gran caldo, la prova del 9 l’avremo in Belgio dove tutto ‘sto caldo non fa.

      Sulla “genialita’” di Newey possiamo aprire un bel dibattito. La domanda e’: se lui fosse il progettista Ferrari, avremmo da ridire su questo spirito, come dire, creativo che, qualche volta, si spinge oltre la linea di confine senza varcarla mai ufficialmente?😉

      Commento di tuttoqua | 30 luglio 2012 | Rispondi

  2. Perfettamente concorde su hungaroring……noioso e senza senso. Massa a casa, cantiamo nello stesso coro da più di un anno! JB in Ferrari detto da te mi sorprende….. Secondo me e’ un pilota anzitutto di classe dentro e fuori le piste, che quando fa cagate lo ammette. Penso abbia fatto vedere quest’anno che quando la macchina non va lavora bene per capire quali siano i problemi. Il mio unico dubbio e’ come si adatterebbe ad una squadra e tifosi con spirito latino! Sai appena si sbaglia tutti sono esperti e ti danno addosso…..il suo aplomb inglese si potrebbe adattare? Vedremo ma mi auguro sinceramente che questo sia l’ultimo anno di massa a prescindere dal sostituto……per la squadra avere un pilota che porta poco fieno in cascina non va bene quando le aspirazioni sono ben altre…..ora pausa e poi 2 piste come si deve…finalmente.

    Commento di Ain't that bad | 30 luglio 2012 | Rispondi

    • Non so se si adatterebbe, mi sembra un ragazzo sufficientemente flessibile. E poi, di grandi piloti inglesi ne abbiamo avuti in passato, e credo di poter dire che, con il pubblico e la pressione, se la siano sempre cavate discretamente. Pero’concordo sul fatto che Button e’ forse eccessivamente gentleman, mentre qui un po’ di “cazzimma” servirebbe.

      Commento di tuttoqua | 30 luglio 2012 | Rispondi

  3. […] gara precedente: Gran Premio di Ungheria. Vota:Condividi:Like this:Mi piaceBe the first to like […]

    Pingback di Post-gara Gran Premio di F1 del Belgio 2012 « TuttoQua? | 3 settembre 2012 | Rispondi


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: