TuttoQua?

L'umanita' sta regredendo

Post-gara Gran Premio di F1 di Germania 2011

Che dire? Ormai la Ferrari va forte come la RedBull. O meglio, siccome va forte anche la McLaren, credo che sia piu’ corretto affermare che e’ stata la RedBull a rallentare un po’.

Come a dire che, dalla scorsa gara, senza scarichi soffiati sono veramente cazzi. Ribadisco, pratica assai scorretta da parte della F.I.A., ma questo e’ quanto.

Ieri la RedBull ha confermato 3 fatti molto importanti:

  • Webber non imbrocca una partenza nemmeno se spegne lui i semafori;
  • Vettel quando e’ sotto pressione e non e’ in testa fa cazzate, pero’ ha pure un gran culo;
  • Ai pit-stop sono dei mostri, mentre in casa Maranello si continuano a raccogliere brutte figure.

Detto questo, l’outsider di ieri e’ stato Hamilton, che ha messo in pista le sue indiscutibili qualita’ di pilota estremamente veloce e ha vinto una gara bellissima. Aiutato, va detto, da un consumo gomme piuttosto regolare, dovuto non al suo piedone ma, piuttosto, alle circostanze (pista+meteo+strategia soste). A tale proposito, ci tengo a evidenziare ancora una volta che questa storie delle mescole diverse resta un gran casino. Possibile che anche ieri nessuno c’abbia capito una mazza, e tutti fossero convinti di andare piu’ piano di un secondo e mezzo con le dure?

Alonso, e con lui la Ferrari, ha peccato di presunzione: invece di fotocopiare la strategia McLaren ha pensato di restare dentro e fare 2 giri alla Schumacher. D’altronde, nel POST precedente, l’avevo detto che lui poteva farlo, e non intendo smentirmi adesso. Pero’ pretendere di piazzare tempi da qualifica sui cerchioni mi sembrava eccessivo! Detto fatto: 2 giri di merda, e addio vittoria, con immensa rabbia dell’arabia saudita del sottoscritto e di qualche altra milionata di tifosi Ferrari sparsi qua e la’.

Per carita’, coi tempi che corrono un secondo posto e’ oro, soprattutto se paragonato alla situazione di qualche settimana fa, ma ieri in provincia di Modena di poteva vincere, e non e’ andata cosi’. A dimostrazione, ancora una volta, che la Ferrari di oggi si perde facilmente quando c’e’ da prendere rapidamente una decisione che puo’ cambiare le sorti di una gara. Per contro, e qui possiamo anche ridere, Vettel ha un vantaggio di 77 punti su Webber (piu’ di 3 gare) e, addirittura, di 86 su Alonso (quasi 4 gare). E quando lo perde il mondiale questo?

A questo punto, pero’, mi sento obbligato a dedicare qualche riga a Felipe Massa. Negli ultimi mesi l’ho massacrato, ma ieri sembrava quello di una volta. Dal rientro dopo la botta ungherese si era perso, ma ieri sulla pista tedesca ha messo giu’ velocita’ e prestazioni degne, se non meglio, di Alonso stesso, tenendo dietro abilmente Vettel e compiendo due sorpassi difficilissimi di puro manico, in un punto della pista in cui l’uso del DRS era vietato.

Sara’ che Montezemolo gli ha detto che lo terra’ anche l’anno prossimo, ma questo e’ anche la riprova che il pacchetto c’e’, e che lui, se vuole, e’ pilota vero. Pero’ e’ pure sfigato, sia perche’ dopo una partenza incredibile ha dovuto mollare per non ritrovarsi seduto in abitacolo col compagno di squadra, e sia perche’, come abbiamo detto, uno dei meccanici ha pensato bene di incartarsi con un dado. Un miserabile dado che spero abbiano fuso senza ritegno subito dopo, insieme al meccanico, ovviamente.

Mi direte: gli errori ci stanno! D’accordo, ma ci stessero ogni tanto pure da qualche altra parte sarebbe statisticamente piu’ corretto ed emotivamente piu’ accettabile. E poi sono gli errori stupidi che fanno incazzare all’ennesima potenza.

In ogni caso, bravo Felipe, ti auguro di continuare cosi’, e mi auguro di essere qui domenica prossima a tessere nuovamente le tue lodi.

Delle altre scuderie, Mercedes e Renault incluse, cosa dire? Ormai il divario e’ imbarazzate, e quando i primi giravano sul piede dell’1:37, gli ultimi pascolavano intorno all’1:42…

Cinque secondi al giro, in questo sport, sono come, che ne so, 3 ore nella maratona? Un abisso profondo, vergognoso e incolmabile.

Dulcis in fundo, da segnalare il ritorno di Chandkok, meraviglioso driver indiano che, tanto per non smentirmi, e’ arrivato ultimo, staccato di soli 4 giri. Non che Kovalainen abbia fatto tanto meglio (18-esimo), ma almeno di giri ne ha presi solo due. Facciamo i conti, e scopriamo che nel tempo che Hamilton ha impiegato per vincere la gara, il talento del sub-continente e’ rimasto indietro di circa 20 Km!

Tik hè!!!

Commento gara precedente: Gran Premio di Gran Bretagna.

I POST delle ultime 3 stagioni.

25 luglio 2011 Posted by | formula 1 | , , , , , , , , , , , | 13 commenti

Post-gara Gran Premio di Germania

Sulla pista del Nurburgring, tracciato moderno inaugurato nel 1984 e costruito negli immediati pressi dello storico circuito di circa 23 Km (dove Niki Lauda, nel 1976, rischio’ di morire bruciato nella sua monoposto) si e’ svolta oggi la nona prova del campionato mondiale di Formula 1 2009. Corsa un po’ anomala, sia per le qualifiche di ieri, condizionate pesantemente dalle condizioni meteo, sia per la difficolta’ oggettiva nel valutare le eventuali migliorie tecniche introdotte da alcune scuderie. Basti pensare che, dopo oltre 20 giri, i primi 5 piloti erano compresi in un intervallo di 5,1 secondi, e dopo 30 giri, ce ne erano ancora quattro in 7,5 secondi. La cosa e’ piuttosto insolita, ed evidenzia un certo livellamento delle prestazioni. La gara odierna e’ stata anche il giro di boa: mancano, infatti, otto gare alla fine del Mondiale, e possiamo, anche in virtu’ di quanto visto oggi, provare ad ipotizzare qualche scenario.

BrownGP: Che stiano davvero finendo i soldi? Oppure la BrownGP ha ormai espresso il suo potenziale e deve gestire le rimanenti gare? La scuderia introdurra’ comunque alcune modifiche nella prossima gara, vedremo. E poi la strategia delle tre soste non si e’ rivelata affatto vincente. Che Ross il mago stia perdendo qualche colpo? Per ora la scuderia e’ retrocessa a seconda forza in campo, ma il vantaggio in classifica e’ ancora abbondante, anche se Vettel ha scavalcato Barrichello.

RedBull: Come previsto, dominio totale della scuderia anglo-austriaca. Velocita’ fotonica, piloti concreti e affidabilita’ totale = nuova doppietta, questa volta a parti invertite, con Mark Webber che vince il suo primo Gran Premio e che, dall’abitacolo, urla  per la gioia come uno Yeti dopo aver tagliato il traguardo. E questo nonostante la penalita’ inflittagli per aver colpito Rubens Barrichello (non si fa…) al via. Congratulazioni e ad maiora!

Ferrari: Massa ha fatto una gara davvero soprendente, e ha intepretato molto bene le varie situazioni che si sono create in corsa, cosa che gli ha consentito si salire addirittura sul podio. Nella parte centrale della gara, ha perfino dimostrato di poter andare forte come le Redbull e le BrownGP, il che, tutto sommato, gratifica anche il lavoro dei tecnici. Non si puo’ dire lo stesso di Raikkonen, che e’ sempre stato dietro, guidando in modo sufficiente ma mai entusiasmante, salvo poi spararsi in un piede, andando incomprensibilmente a centrare la Force India di Sutil nel tentativo maldestro di superarlo, nel momento in cui questi rientrava in pista dopo il suo primo pit stop. E, per chiudere, al giro 33 si e’ anche ritirato per un problema al motore. D’altronde, e’ ormai certo che il finalndese dovra’ lasciare Maranello, a costo di pagargli la penale, visto l’arrivo di Fernando Alonso. Per Massa la questione e’ ancora aperta, ma mi aspetto anche la partenza del brasiliano, sostituito forse da Heidfeld.

McLaren: E’ migliorata, forse anche un bel po’, ma raccoglie quanto seminato finora. Con Hamilton che rompe qualcosa alla prima curva (forse una sospensione) e gira per tutta la gara su tempi da GP2. Al punto che, con la  scusa di preservare motore e cambio per la prossima gara, chiede di poter andare anticipatamente sotto la doccia. Permesso negato dalla scuderia, che lo lascia in pista a girare; cosa piu’ che giusta, vista l’impossibilita’, come da regolamento, di effettuare test privati.

Force India: Migliora la McLaren e migliora di riflesso la scuderia indiana, che riceve motore e retrotreno dalla Mercedes. Non c’e’ merito qui, solo un riflesso incondizionato. Spiace comunque per Sutil, che poteva portare a casa un gran risultato, ma e’ stato spedito ai box con il musetto rotto da Raikkonen. Che conferma, dopo Montecarlo dello scorso anno, di essere la bestia nera del pilota tedesco.

Renault: La macchina e’ migliorata, su questo non si discute. Piquet, nonostante la buona qualifica e lo spauracchio di essere mandato a casa, fa la solita gara mediocre. Ma anche Alonso, con tutto il suo buon piazzamento, per la prima volta in questa stagione e’ sembrato distratto, almeno per i primi due terzi di gara, finche’ non ha deciso di andare a cannone e realizzare il giro piu’ veloce alla 49a tornata. Che stia gia’ pensando al volante rosso che stringera’ l’anno prossimo?

Toyota: in ombra, con Trulli pure sfortunato alla partenza. Indubbiamente l’evoluzione dall’inizio del campionato e’ stata davvero negativa.

Williams: il giapponese conferma le sue doti di brocco, ma Rosberg e’ veramente un fenomeno! Parte da casa sua (quindicesimo) e arriva quarto, cosa chiedere di piu’, visto il potenziale attuale della scuderia? Peccato che, almeno al momento, abbia come uniche prospettive la McLaren e la BMW. Che, blasone (e stipendio) a parte, non promettono un futuro radioso.

BMW: peggiorano a ogni gara, con una costanza quasi impressionante. Dove arriveranno di questo passo?

ToroRosso: Eh vabbe’… so’ ragazzi. Comunque un buon risultato lo portano finalmente a casa: licenziano Bourdais!

Bridgestone: ma che palle! E dure, e morbide, e vanno forte e vanno piano, e si scaldano, anzi no non si scaldano! E chi va bene con le dure e chi va bene con le altre, e l’asfalto non e’ gommato, e si degradano troppo presto, macche’, troppo tardi! Ma si puo’ lasciare che l’esito di un mondiale sia determinato dal fornitore delle gomme??

Michael Schumacher: complimenti, parla italiano!

Commento gara precedente: Gran Premio di Gran Bretagna

12 luglio 2009 Posted by | Bestialita' | , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 5 commenti

   

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: