TuttoQua?

L'umanita' sta regredendo

L’ennesima mamma che non sapeva…

Quando avevo 12 anni, non so come, mi trovai diecimila lire in tasca, probabilmente un regalo del nonno o di una zia. A 12 anni uno non sa bene come funzionano le cose, e non si fa troppe domande, quindi, all’uscita di scuola di un giorno qualsiasi, andai in un negozio di giocattoli e comprai una robina per me (forse un Big Jim) ed qualcos’altro per mio fratello di 8 anni.

Al ritorno a casa, dopo pranzo, mi ci misi a giocare, ma quando se ne accorse mia madre, che presumibilmente teneva mentalmente un inventario di ogni articolo ludico presente nella mia cameretta, scatto’ il terzo grado, con tanto di buio in sala e lampada puntata negli occhi.

“Da dove arriva questo giocattolo?”

“Dove hai preso i soldi?”

“Dove l’ha comprato?”

“E se l’hai veramente comprato, mostrami scatola, busta del negozio e scontrino!”

“E comunque, chi ti ha dato il permesso?”

Fino alla fatidica frase: “dimmi la verita’ e vedro’ di mediare con tuo padre”.

E, ovviamente, un genitore assume come assioma che il figlio menta in una situazione del genere. Tipo: ha preso i soldi di nascosto, oppure l’ha fregato ad un compagno di scuola, o peggio, ha accettato un regalo da uno sconosciuto.

Tutte cose accettabili, mettendosi nei panni di un padre/madre di famiglia. Il problema e’ che quando rincaso’ mio padre, scoppio’ la 3a guerra mondiale, anche perche’ il mio papino non andava troppo per il sottile con me, essendo primogenito.

Insomma, passai un brutto quarto d’ora prima che i miei si decidessero a fare un paio di telefonate per verificare la mia versione della storia.

Tutto risolto: il nonno/zio mi aveva dato i soldi, e io ero andato nel negozio tal dei tali, alla tale ora, a comprarmi il benedetto gioco. OK, non avevo mentito, non avevo rubato, ero stato ingiustamente accusato, ma non una parola di consolazione dopo le verifiche. Di fatto, comportandomi da persona per bene, avevo comunque e solo fatto la meta’ del mio dovere.

Suppongo che le cose, al giorno d’oggi, funzionino un po’ diversamente, ed il livello di controllo che i genitori, o chi per essi, esercitano sui pargoli e’ ben lungi da somigliare a quello che subivamo noi. E cosi’ indietro, di generazione in generazione, quando la liberta’ di movimento ed i mezzi a disposizione lasciavano ben poco spazio a cio’ che non fosse scuola e parrocchia. Bene cosi’, seguendo certi schemi siamo venuti fuori fatti in un certo modo, con un’educazione di base, una discreta (ma forse non ottima) capacita’ di relazionarci con prossimo e, piu’ in generale, di stare al Mondo.

Oggi leggo sul Corriere della Sera che una tettonissima ospite della casa del Grande Fratello 9 non aveva mai detto alla madre di essere socialmente impegnata in attivita’ finesettimanali legate al cubismo discotecaro. In altre parola, ballava in pubblico, probabilmente piu’ svestita che altro, sventolando le palle da bowling di qui e di li’. La mamma aveva sempre creduto che la ragassuola lavorasse in un bar durante i weekend, e di essere rimasta scioccata dopo aver appreso la cosa dalla televisione.

Dichiarando:

“Si è sempre mantenuta da sola. Anche l’operazione al seno, che ha fatto in una clinica milanese, se l’è pagata di tasca sua quando aveva diciotto anni. Ora ho capito da dove arrivavano quei guadagni. Dovevo stare più attenta”.

Ora, cara signora che Dio la benedica e protegga sempre, io capisco che non ci si possa insospettire piu’ di tanto se la propria figlia, a 18 anni, dichiari di andarsene in vacanza con gli amici per qualche giorno con la Renault 4 e di potersi pagare ostelli e hot-dog di tasca sua. Ma la mastoplastica dove la mettiamo?

No, dico… signora… la mastoplastica?

Io non ho mai sponsorizzato operazioni chirurgiche al seno ma, da quello che so, l’intervento non costa proprio come un cappuccino e una briosche. Quindi, se mia figlia mi dicesse:

“caro’ papa’, grazie ai soldi che ho messo da parte lavorando nel weekend al bar, a soli 18 anni, posso rifarmi il seno a mie spese…”

io direi:

“cara bambina, amore del babbo, bastone della mia vecchiaia, madre dei miei futuri nipoti, io capisco che tu possa pensare che il morbo di Alzheimer in me abbia gia’ raggiunto uno stadio avanzato, e forse e’ anche per questo che tra 3 secondi esatti urlero’ come un Licaone in calore…

..MA PERCHE’ QUESTE STRONZATE NON LE VAI A RACCONTARE AL NONNO E MI DICI DOVE CACCHIO HAI PRESO TUTTI QUEI SOLDI PRIMA CHE TI SCORTICHI SUL POSTO E MI FACCIA UNO SCENDILETTO COL TUO EPIDERMIDE???”

Cara mamma della maggiorata in questione, ma c’e’ un limite alle palle che si possono mandare giu’! Non sta scritto da nessuna parte che uno debba abboccare come un cefalo, senza che appaia prima un bel punto interrogativo sulla sommita’ del suo cranio, e che sia ben visibile anche dal celeberrimo Cecato di Sorrento.

Tutto sommato, alla sua figliola poteva andare peggio, in fin dei conti ha solo ballato mezza nuda davanti a un mare di sconosciuti ubriachi e impasticcati e, unendosi a loro di tanto in tanto e sventolandogli le bocce sotto il naso, li ha incoraggiati a bere ancora di piu’, contribuendo al reddito del felicissimo proprietario del locale. Non che sia un reato, ci mancherebbe, e non voglio essere io a giudicarne la moralita’. Ho le mie idee ma, in casi come questi, preferisco tenermele.

Ma dire che non lo sapeva… secondo me lo sapeva, e s’e’ vergognata di ammetterlo, allora ma soprattutto adesso che la cosa e’ andata sotto i riflettori.

C’e’ qualcosa di sbagliato da qualche parte comunque…

19 gennaio 2009 - Posted by | Bestialita', Quando uno non ha niente da fare... | , , , ,

Non c'è ancora nessun commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: